Ambulanza in campo in tre minuti. Croce Rossa: "Prima di partire, l'ok dei medici"

Il comitato leccese ha diffuso una nota con tempi e modalità del soccorso a Scavone, mentre tutti i presenti allo stadio per la gara contro l'Ascoli avevano il cuore in gola per le sorti del calciatore

Il momento dell'ingresso dell'ambulanza sul terreno di gioco.

LECCE - Il comitato di Lecce della Croce Rossa Italiana ha diffuso a ridosso di mezzanotte una nota nella quale sono stati ricostruiti tempi e modi dei soccorsi prestati a Manuel Scavone dopo la perdita di coscienza - a seguito di uno scontro e di una successiva caduta -, quando la partita tra Lecce e Ascoli era iniziata da appena quattro secondi.

Questa la successione degli interventi per come emerge dai resoconti televisivi: nel giro di 15 secondi il primo massaggiatore del Lecce, Graziano Fiorita è già da Scavone, immobile per terra. Subito dopo ci sono anche il medico sociale Giuseppe Congedo e il responsabile sanitario, Giuseppe Palaia. A circa 40 secondi dall'incidente è accorso anche un medico rianimatore, seguito dai primi operatore della Croce Rossa con una barella. Il tabellone segna 2 minuti e 15 dal fischio d'inizio quando viene portata la barella spinale e dopo poco più di un minuto l'ambulanza raggiunge il punto dove sembra consumarsi un dramma, per fortuna poi scongiurato.

"A seguito di uno scontro violento in campo tra il giocatore del Lecce Scavone e Beretta dell'Ascoli - recita la nota -, il centrocampista della squadra salentina è caduto al suolo perdendo conoscenza. Sono immediatamente intervenuti il medico sociale e il medico rianimatore con un infermiere. Sono, altresì, immediatamente intervenuti un medico cardiologo e il medico con gli infermieri di Croce Rossa Lecce. L'equipe medica, composta da quattro medici e diversi infermieri, ha attuato tutte le manovre e pratiche necessarie alla rianimazione del giocatore richiedendo i presidi di stabilizzazione che sono stati prontamente portati in campo". 

Nella comunicazione si spiega anche i tempi di ingresso e uscita dell'ambulanza dal terreno di gioco: "Contestualmente è stato richiesto l'ingresso in campo dell'ambulanza, la quale, avviate tutte le procedure per interventi del caso e con i dovuti tempi di attuazione, ha raggiunto velocemente il giocatore. Arrivati sul posto, i soccorritori hanno aspettato che l'equipe medica terminasse le manovre di stabilizzazione del ragazzo per poterlo trasportare in sicurezza verso l'ospedale. Dopo l'ok dei medici, come da protocollo, l'ambulanza è partita verso l'ospedale Vito Fazzi, preventivamente allertato, raggiungendolo nel minor tempo possibile".

Infine un passaggio sulle condizioni del calciatore giallorosso, ricoverato in ospedale: "Scavone già in campo aveva ripreso conoscenza parlando con i medici e soccorritori presenti ed è arrivato in ospedale pienamente cosciente. In queste ore saranno effettuati ulteriori accertamenti e analisi e sarà tenuto in osservazione, ma la situazione appare tranquilla e il giovane è fuori pericolo. Auguriamo al nostro giocatore giallorosso Manuel Scavone che si risolva tutto a stretto giro e che torni presto in campo".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento