Bruno Gentile il re delle palestre è venuto a mancare il 19 maggio

Colui che ha portato verso la fine degli anni 50 la cultura fisica a Lecce e in Puglia, si è spento all'età di 84 anni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Un campione di forza e di innovazione sportiva, negli anni del dopoguerra, è stato Bruno Gentile molto popolare a Lecce per le sue imprese di forza. Trasferitosi con la famiglia da Manduria nel 1949, ben presto si dedicò alla cultura fisica e all'atletica pesante, facendo sì, che seppur i mezzi dell'epoca fossero limitati, ad allenarsi con mezzi preparati da se e a realizzare il suo sogno di aprire la prima palestra nel 1960 in via Lequile , dove ha visto la partecipazione di molti giovani leccesi e non solo.

La sua passione lo ha portato a ed essere un esempoi da seguire ed a ammirare, seppur lui sia stato sempre riservato molti frequentatori e amici non potevano fare altro che decantare tutte le sue imprese e le sue gare, i suoi allenamenti su panca con bilanciere iniziavano da 220 kg. Pronto ad aiutare il prossimo e specie i più deboli, si è sempre prestato ad accorrere in loro aiuto contro i bulli dell'epoca.

A Lecce e in provincia era ormai diventato un mito vivente. aprì successivamente altre palestre e i primi anni 70 portò maestri di arti marziali, queste discipline all'epoca erano sconosciute. E' stato colui che sembra abbia guardato il futuro con una sfera magica, infatti oggi la società è basata sulle palestre e la cura dell'aspetto fisico. L'amore per il fisico e la salute, gli fece aprire anche un centro di fisioterapia dove si è speso sino all'ultimo per il bene delle persone in difficoltà fisiche. Una semplice malattia è degenerata portandolo via all'età di 84, ha resistito e lottato fino all'ultimo come il guerriero che è sempre stato.

Torna su
LeccePrima è in caricamento