Il pop contro il bullismo. Da un giovane salentino il singolo “Cuore rotto”

Ale è il nome d’arte di un 20enne di Tricase che ha girato il videoclip del suo hit, sul fenomeno della violenza fra i giovani, tra i banchi del Liceo classico “Girolamo Comi”

Sulla sinistra Alessandro Mele, in arte "Ale".

TRICASE – “Nessuno che mi chiama, nessuno mi comprende. Dove la scuola rappresenta un pericolo, un vicolo cieco nel quale ti acciechi.  Schiaffi, poi pugni, pianti, circondato da bulli e da finti gradassi. Io perso nel buio delle mie paure”.  Il pop e il rap sempre più veicoli di nobili messaggi sociali. Da Salento un brano intitolato “Cuore rotto”, il cui videoclip è uscito lo scorso 21 ottobre, affronta per esempio la tematica del bullismo, un fenomeno sempre più presente tra i banchi di scuola.

Un altro, giovane musicista specializzato nel genere contemporaneo arriva da Tricase. Alessandro Mele, questo il suo nome, ha 20 anni e uno pseudonimo artistico: “Ale”. Da quattro anni, tra i banchi del liceo, ha cominciato a interessarsi al cantautorato pop, prendendo spunto da Ultimo. Nel videoclip del singolo, girato nelle aule del Liceo classico statale “Girolamo Comi” di Tricase da Davide Marra, viene raccontata la storia di Marco, interpretato da Riccardo Nesca.

Il link al singolo uscito il 21 ottobre scorso: https://youtu.be/ydDRzBKs5dQ

 Lui è il protagonista di quell'incubo che ogni giorno vive a contatto con il drammatico status di “bullizzato”, vittima di violenza psicofisica da parte dei compagni di classe e conoscenti. Il finale, però, capovolgerà le sorti. Il brano si può ascoltare su Youtube e in tutte le piattaforme streaming.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Il giallo del piccolo Mauro: ascoltati per ore i genitori in una località segreta

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

Torna su
LeccePrima è in caricamento