"Capire per crescere": la divulgazione scientifica in mano agli studenti salentini

L'iniziativa, patrocinata da Regione Puglia, Miur, Ufficio scolastico regionale e Istituto Pasteur, presentata oggi: è durata 2 anni ed ha coinvolto cinque scuole del territorio

LECCE - Promuovere la cultura tecnico-scientifica e rendere gli studenti il tramite privilegiato per la divulgazione delle nozioni acquisite: è questo l’obiettivo del progetto “Capire per crescere”, promosso dall’Istituto Pasteur Italia, in collaborazione con il ministero dell’Istruzione pubblica, l’assessorato regionale all’Istruzione e l’ufficio Scolastico regionale.

L’esperimento di divulgazione scientifica è durato quasi due anni e si è concretizzato donazione di cinque laboratori scientifici ad altrettanti istituti scolastici salentini, selezionati tra le scuole che hanno aderito al progetto: il Polo 1 di Copertino, l’IC “Elisa Springer” di Surbo, l’IISS “Giannelli” di Parabita e il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” di Maglie.

Protagonista del progetto di divulgazione scientifica è anche il Comune di Andrano che quest’anno ha ospitato la “Festa della Scienza”. Oggi invece, presso la sede dell’ufficio scolastico di Lecce, i protagonisti hanno tirato le somme di un’iniziativa che si è rivelata all’altezza delle aspettative e potrebbe essere replicata.

La Regione Puglia, in particolare, ha supportato il progetto “allo scopo di valorizzare la consapevolezza dell'importanza della scienza e della tecnologia per la vita quotidiana”, ha spiegato Sebastiano Leo.

L’assessore con delega all’Istruzione è intervenuto alla conferenza stampa di rendicontazione sociale insieme a Vincenzo Melilli, dirigente dell’Usp, Antonio Musarò, docente dell’Università “La Sapienza” di Roma, Angela Santoni, direttore scientifico dell’Istituto Pasteur, e i dirigenti scolastici degli istituti coinvolti.

“I banconi, dotati di strumentazioni scientifiche e didattiche, donati dall'Istituto Pasteur e collocati all'interno delle aule scientifiche degli istituti comprensivi e delle scuole superiori coinvolte, costituiranno degli autentici focolai di divulgazione – ha chiosato l’esponente del governo regionale -. L’assessorato all’Istruzione è stato anche partner della “Festa della Scienza”, consapevole del valore dell’iniziativa e dell’entusiasmo che essa suscita nei ragazzi”.

Angela Santoni, direttrice istituto Pasteur ha spiegato che l’iniziativa è in linea con la missione della Fondazione che è quella di diffondere nella società civile tutti i progressi della ricerca e di contagiare tutti con l’entusiasmo degli studiosi.

“Il progetto è rivolto ai ragazzi per favorire occasioni di apprendimento e renderli protagonisti del sapere. I laboratori sono serviti a rendere le scuole uno spazio di condivisione, open lab capaci di ospitare anche altri ragazzi di altre scuole per mettere insieme saperi ed esperienze”, ha aggiunto Antonio Musarò, docente del La Sapienza Università di Roma.

“Nei programmi futuri c’è la disponibilità del Pauster di costituire una onlus che ci veda compartecipi – ha annunciato il sindaco del Comune di Andrano, Mario Accoto -. Sarebbe infatti un peccato se un evento come la Festa della Scienza, cresciuto così tanto da coinvolgere la Regione Puglia e l’Università del Salento, finisse così: questa è la nostra prospettiva e la onlus sarà uno strumento agile che ci permetterà di replicare l’esperienza, partecipando a bandi pubblici e programmi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Breve temporale, ma il fulmine si abbatte sulla casa: impianto elettrico fuori uso

Torna su
LeccePrima è in caricamento