"Come faremo con lo stipendio dimezzato?": scioperano gli addetti al parcheggio

Il nuovo bando predisposto dal Comune di Maglie prevede il dimezzamento del monte ore. I segretari di Uiltucs:"A rischio il futuro di 6 dipendenti della spa Mta servizi"

In foto: lo sciopero dei lavoratori a Maglie

MAGLIE – Il bando per il nuovo affidamento del servizio di gestione dei parcheggi è “penalizzante” per i lavoratori. E così il sindacato Uiltucs Uil ha organizzato uno sciopero questa mattina, animando un sit-in sotto il municipio di Maglie.

Sono in tutto 6 gli addetti che hanno scelto di protestare contro l'amministrazione comunale: un dipendente amministrativo e 5 addetti al controllo della sosta a pagamento. 

Lavorano tutti per la società partecipata Mta servizi spa e ora, in vista dell'aggiudicazione del nuovo appalto, dopo la pubblicazione del bando, temono per le proprie sorti lavorative.

“Lavoriamo da 17 anni per questa società, con un contratto full time, e all’improvviso veniamo a sapere che il nostro stipendio rischia di essere decurtato del 50 per cento”, denunciano i dipendenti.

“Non ci aspettavamo questo comportamento dall’amministrazione comunale – aggiungono –: è stato un fulmine a ciel sereno. Abbiamo tutti più di 50 anni e famiglie con figli, mutui a carico e via dicendo. Il taglio dei posti auto non è una giustificazione plausibile. Dove andiamo a trovare un altro lavoro per compensare la metà dello stipendio che perderemo? Ci stanno buttando in mezzo a una strada”.

Alcuni passaggi del bando non convincono neppure i segretari provinciali di Uiltucs, Antonella Perrone ed Antonio Palermo: la diminuzione delle fasce orarie di lavoro; la frammentazione dei servizi rispetto a quelli affidati al gestore attuale e il taglio de monte ore per il personale.

Secondo il sindacato il nuovo bando ridurrebbe a 21 le 40 ore settimanali previste precedentemente.

A conti fatti, si ridurrebbe anche  il costo del personale per la nuova ditta che passerebbe da 131mila euro a 70 mila per gli addetti al controllo sosta (con un taglio del 49 percento) e da 41mila 519 euro a 35 mila euro per personale amministrativo (-15 percento).

“Il costo complessivo del personale rasenta i valori minimi previsti dal contratto collettivo  di settore – ammoniscono i sindacalisti - e il part-time che ne consegue non consentirà l’adeguata copertura del servizio che necessita di almeno due operatori al giorno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Qui c’è in gioco il futuro di queste persone e delle loro famiglie” concludono Perrone e Palermo che chiedono di essere convocati urgentemente dall'amministrazione comunale di Maglie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Positiva prima di un day service ambulatoriale: nuovo caso Covid-19 nel Salento

  • Oltre un chilo di eroina, quasi mezzo di cocaina, tre pistole: in manette 35enne

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

  • Attende una donna conosciuta online, si ritrova i rapinatori in casa: denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento