Compatti contro i licenziamenti: lo sciopero in Sirti raggiunge il 100 percento

L'azienda tira dritto sulla procedura che prevede il taglio del 21 percento della forza lavoro e convoca le parti sociali. Morea, Fiom Cgil Lecce: "Speriamo in un'apertura nella trattativa"

Foto: l'assemblea dei dipendenti davanti alla sede di Galatina

GALATINA - La mobilitazione proclamata dai sindacati ha fatto centro. Tutti e 84 i lavoratori dell’azienda Sirti, con sede a Galatina, hanno incrociato le braccia per due ore alla fine del 1° turno, quindi dalle 8.30 alle 10.30.

I dipendenti della società leader nella realizzazione delle reti di telecomunicazione hanno aderito allo sciopero al 100 percento e si sono riuniti in assemblea davanti ai cancelli dell’azienda.

L’obiettivo? Sventare i licenziamenti collettivi già annunciati e che prevedono un taglio del 21 percento della forza lavoro.

Tradotta in numeri, la sforbiciata costerà 32 dipendenti sugli 84 in servizio tra Lecce e Galatina. In tutta la Puglia sono stati dichiarati 99 esuberi: 55 su 169 dipendenti nella provincia di Bari e 12 su 13 in provincia di Taranto.

La segretaria generale della Fiom Cgil Lecce, Annarita Morea, la scorsa settimana ha investito della questione la presidenza, l’assessorato al Lavoro e la task force della Regione Puglia, chiedendo un incontro per sostenere la richiesta di un tavolo ministeriale e individuare possibili soluzioni.

Sirti, infatti, non sembra aver risposto positivamente alle proteste delle parti sociali. E sinora ha tirato dritto per la sua strada, aprendo la procedura di licenziamento collettivo per 833 unità complessive su scala nazionale.

Di più, il Gruppo ha convocato i sindacati proprio oggi pomeriggio per l’esame congiunto obbligatorio, cioè per un passaggio formale della procedura di licenziamento.

“Mi auguro che in questa circostanza gli amministratori di Sirti possano dimostrare maggiore apertura e ragionevolezza. In passato, quando ci sono state delle crisi, la società ha fatto ricorso agli ammortizzatori sociali. Questa volta, invece, la procedura di licenziamento è stata repentina e violenta e non ci ha lasciato margini di trattativa”, commenta Morea di Fiom Cgil.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Caro Salvatore, non conosco la tua occupazione. Se fossi un dipendente a rischio di licenziamento probabilmente la tua opinione sarebbe diversa. Ad ogni modo, in Italia ed in altri paesi civili, il datore di lavoro non ha una piena libertà di licenziamento. Le condizioni e le motivazioni vanno sempre verificate, affinché non possano esserci abusi ed arbitri.

  • I sindacati...sempre loro a istigare... La domanda è ma una azienda nel pieno delle proprie facoltà è o non è libera di assumere e/o licenziare? Ma dove sta scritto che un dipendente deve essere tale a vita in una azienda a prescindere se questa azienda produce o non produce o produce poco? È assurdo che in italia le aziende devono avere il coltello dei sindacati alla gola...

    • i sindacati sono dipendenti dell'azienda stessa, tranne qualcuno, è tutto un complotto di interessi!

Notizie di oggi

  • settimana

    Truffe ad Inps anche coi bonus "Renzi": indagati due professionisti

  • Cronaca

    Razzia di notte a Sant'Isidoro: banda di ladri "visita" quindici villette estive

  • Attualità

    Plastica, pesticidi e antenne: le lotte future spiegate da un europarlamentare

  • Cronaca

    Abusi sulla figlia di otto anni: condannato a sette anni e mezzo il padre

I più letti della settimana

  • L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Va a prendere il figlio maggiore e scopre che l'altro è chiuso nello scuolabus

  • Strada 275, colpo di sonno e finisce contro un furgone: in tre in ospedale

  • “Appena esco ci ritorno”. Ladro mantiene la promessa, di nuovo arrestato

  • Misterioso rogo nel negozio di attrezzature per party: fiamme devastano il locale

  • Pauroso incidente: travolto da un'auto mentre attraversa, in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento