Comuni e litorale imbiancati. Dalle 11 nuova intensa nevicata e disagi

Dopo una tregua nella prima mattinata la neve è tornata a cadere con intensità in diverse località salentine. Centri più colpiti sono Calimera, Martignano e Borgagne. Altre nevicate previste anche nel corso della nottata 

Soleto sotto la neve.

LECCE – Dal capoluogo al resto dei comuni del Salento, dalla dorsale adriatica a quella ionica, i primi e copiosi fiocchi di neve si sono addensati nel cuore della notte sferzati dalle gelide folate di vento. Dopo una tregua intorno alle 9 del mattino, con la comparsa anche di un pallido sole che ha disciolto i primi accumuli in particolare lungo il litorale e l’entroterra ionico (eccezion fatta per Taviano e Casarano), poco prima delle 11, i fiocchi e gli accumuli sono tornati ad intensificarsi. In queste ore i fenomeni si stanno concentrando sull’area nord occidentale della provincia, compreso il litorale. Tra Nardò, Leverano, Galatone, Galatina e Copertino, dopo una ventina di minuti abbondanti di precipitazione intorno alle 8 del mattino, seguita da una flebile tregua, ora la neve ha ripreso a cadere con intensità e le temperature oscillano tra  -1° e 3° gradi. Già operativi comunque sindaci, forze dell’ordine e protezione civile che tramite i centri operativi comunali stanno disponendo le attività di controllo e spargimento del sale.     

Neve sul litorale da Otranto a Porto Cesareo

La neve che sta cadendo su gran parte della Puglia è arrivata quindi sino alle località costiere del Salento dove ci sono state nevicate che hanno interessato il litorale e le spiagge di Porto Cesareo, Castro e Otranto, e le marine neretine da Santa Caterina a Santa Maria al Bagno con scenari suggestivi, ma anche qualche disagio prevedibile. Imbiancate anche l’area costiera di Tricase, Santa Cesarea Terme, Porto Badisco e Leuca. Mitigate dal mare le precipitazioni sulla costa di Gallipoli dove la tramontana ha sparigliato i timidi fiocchi bianchi caduti nella mattinata, ma nell’ultima mezz’ora la neve volteggia con più intensità. 

Centri più colpiti: Calimera, Martignano e Borgnagne

La zona più colpita come già riportato nell’articolo di apertura di Lecceprima.it è la zona della Grecìa salentina dove già nelle scorse ore sono state segnalati accumuli e difficoltà alla circolazione nelle zone del Magliese e nei collegamenti anche sugli svincoli con le arterie a scorrimento veloce verso Lecce e sulla Soleto-Martano dove alcune autovetture e autocarri sono rimasti bloccati con intervento delle squadre dei vigili del fuoco, protezione civile, Anas, carabinieri e polizia locale. Segnalati oltre 20 centimetri di neve a Calimera, mentre Martignano e Borgagne sono completamente imbiancati, così come Melendugno.

WhatsApp Image 2019-01-04 at 08.53.28-2

Questa mattina anche Soleto era imbiancata dalla neve. Dai comandi della polizia locale e dai comuni è stato rinnovato l’invito a non percorrere le strade urbane e extraurbane se non strettamente necessario. Scenari e paesaggi insolito anche nel resto delle città dell’hinterland leccese, da Lizzanello, a Cavallino e del nord Salento, da Trepuzzi a Squinzano, Novoli, Carmiano comprese le campagne e i vigneti di Veglie, Guagnano e Salice Salentino.   

Alla stazione di Lecce si sono verificati problemi per i treni in partenza questa mattina: un intercity per Venezia è partito con due ore di ritardo a causa di problemi agli scambi. Le strade in città sono percorribili anche se con difficoltà, mentre alcuni svincoli della tangenziale Lecce sono stati chiusi e il traffico deviato. Inoltre, le Ferrovie del Sud Est hanno fatto sapere che, in seguito al peggioramento delle condizioni meteorologiche nelle province di Bari, Taranto, Brindisi e Lecce, per impraticabilità di numerose strade extraurbane è stata sospesa la circolazione degli autobus sino a nuova comunicazione. Le condizioni meteo dovrebbero migliorare già nella giornata di domani.

Neve anche in nottata

Tuttavia, nel pomeriggio è stato diffuso un nuovo bollettino meteo, con codice giallo per il rischio di ulteriori nevicate su tutta la Puglia, in particolare nel corso della notte. Il piano d’emergenza del Centro coordinamento dei soccorsi (che si è riunito nel pomeriggio, attorno alle 17), diretto dal viceprefetto Guido Aprea, per ora, ha comunque retto bene l’impatto e nella tarda serata, quando sarà meno intenso il traffico veicolare, sulle arterie principali i mezzi della degli enti proprietari spargeranno sale, come già fatto ieri. Le forze di polizia presiederanno i tratti di strada e gli svincoli ritenuti più a rischio.

Durante l'incontro di oggi, è stato chiarito che l'ordinanza adottata ieri, 3 gennaio, per la limitazione dei mezzi pesanti, non limita la circolazione sulla rete stradale dei trasporti passeggeri su gomma con dotazione antineve idonea, né il trasporto di Gpl, ladoove necessario e urgente per l'approvvigionamento degli impianti di riscaldamento. È ancora operativo e a pieno regime il sistema di accoglienza per i senza fissa dimora e altre categorie in condizioni di disagio socio-economico, grazie all'apporto del volontariato, della Cri e della Caritas.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

  • Fingono di scaricare birra appostati davanti ai “paninari”: militari catturano il ricercato

Torna su
LeccePrima è in caricamento