Il Dea del "Vito Fazzi" è ultimato: sei anni di cantiere per oltre 75milioni di euro

Comunicata la conclusione dei lavori. Per la Asl il Dipartimento di emergenza e urgenza nasce come struttura all'avanguardia sul territorio nazionale

Una veduta dall'alta del Dea.

LECCE – Dopo quasi sei anni di cantiere e una spesa complessiva di 75milioni e 400mila euro è stato comunicato ufficialmente il completamento dei lavori per il Dipartimento di Emergenza e Accettazione del “Vito Fazzi” di Lecce. Il responsabile unico del procedimento ne ha dato notizia alla Direzione strategica aziendale. Due giorni addietro è stata certificata la conclusione dei lavori dopo la verifica di tutte le opere eseguite.

Il Dea è un edificio di 52mila metri quadrati di superficie coperta su cinque piani, di cui due interrati, costruito con 160 pilastri isolatori e antisismici, dotato di capacità di produrre energia da fonti rinnovabili, con stanze per la degenza dotate di tv e bagno e curate nei dettagli.

C’è un pronto soccorso con quattro sale di Trauma Center, Traumatologia e Ortopedia con un percorso d’emergenza per i traumi maggiori e i politraumi, Camera Iperbarica e Diagnostica per immagini con un “pacchetto” di apparecchiature e grandi macchine d’avanguardia

Sono state realizzate 12 ultra moderne sale operatorie allestite in un blocco operatorio adiacente all’Area Chirurgica. Su un unico livello è ospitato il “Centro Cuore”,  dotato di una sala di Elettrofisiologia, due sale Angiografiche e una sala pperatoria Integrata dove è possibile effettuare diverse tipologie di interventi di cardiochirurgia e procedure interventistiche mini-invasive.  Completano il ventaglio di funzioni tipiche legate all’emergenza-urgenza: l’Area Cerebrale, con Neurologia, Neurochirurgia e Stroke-Unit, e l’Area Chirurgica, con la Chirurgia Generale, Toracica e Maxillo-Facciale.

Per Antonio Pastore, Direttore Amministrativo Asl Lecce e attualmente facente funzioni del Direttore Generale, e Rodolfo Rollo, Direttore Sanitario ASL Lecce, “Per la nostra azienda sanitaria per la presidenza della Regione Puglia e per il Dipartimento della Salute, che hanno costantemente seguito l’evolversi dei lavori, è una tappa davvero fondamentale, perché questo ospedale di nuova concezione ha tutte le caratteristiche per essere la struttura ospedaliera più moderna della Puglia e del Centrosud, in grado di competere alla pari con le migliori realtà nazionali".

“Ora – concludono – non resta che avviare il complesso iter di accreditamento istituzionale, che riguarda l’intera struttura, le singole unità operative e le diverse articolazioni funzionali, i percorsi assistenziali destinati ai pazienti. Nell’ambito del processo di accreditamento verranno analizzate nel dettaglio tutte le procedure di cura destinate ai pazienti e, in particolare, le attrezzature nonché l’organizzazione del lavoro. Quest’ultima sarà riportata nella carta dei Servizi, riservata ai cittadini”.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

  • Fingono di scaricare birra appostati davanti ai “paninari”: militari catturano il ricercato

Torna su
LeccePrima è in caricamento