Prodotti a base di canapa, lo sgomento della dirigente del Banzi-Bazoli

Con una nota la responsabile del liceo scientifico di piazza Palio interviene sulla vicenda del distributore automatico installato presso un bar della zona. A poche decine di metri altre due scuole superiori

Il liceo Banzi-Bazoli.

LECCE – Il caso del distributore automatico di prodotti a base di cannabis “light” installato presso un bar di piazza Palio, dove insistono tre scuole superiori, è finito sul tavolo del direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale.

Lo dichiara la dirigente scolastica del liceo scientifico Banzi-Bazoli, Antonella Manca, in una nota stampa con la quale esprime profondo sconcerto “per una legge che consente la commercializzazione di droghe e che autorizza l’installazione di distributori di cannabis persino in aree ‘sensibili’, frequentate ogni giorno da migliaia studenti”.

I prodotti in questione contengono un quantitativo di principio attivo (thc) inferiore ai limiti di legge e distributori dello stesso tipo sono entrati in funzione in diverse città d’Italia. E se, da una parte, molti sono contrari alla vendita di per sé, in questo caso è la vicinanza alle scuole a far aumentare le perplessità. Si chiaro però che l’acquisto è possibile solo con codice fiscale e questo per evitare che siano minorenni a IMG_0912-12-12-18-10-38-2comprare i prodotti.

La dirigente scolastica ha avvisato guardia di finanza, la prefettura, la procura minorile, la questura e il Comune, per sollecitare la rimozione del distributore. Del caso è stato anche informato il Miur (ministero istruzione, università, ricerca).

“In qualità di comunità educante attenta alla crescita sana di ciascun ragazzo – spiega Manca -, siamo impegnati quotidianamente nella lotta all’uso di alcool e droghe, in un’azione sinergica di sensibilizzazione che coinvolge studenti, docenti, genitori, esperti, istituzioni. Chiedo, quindi, rispetto per la nostra azione educativa. Chiedo rispetto per i nostri giovani, la cui salute e il cui benessere psicofisico sono i beni più preziosi per la società tutta”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (32)

  • la ditta ringrazia per tutta questa pubblicità gratuita. LOL

  • E se venisse spostato? Poi verrebbero tagliate le gambe per fare in modo che non venga raggiunto nella nuova posizione? Che situazione ridicola

  • Presidi che conducono una lotta contro la legalità? E' grave! Non meno grave è la mancanza di informazione. Andatevi a documentare sulla differenza tra cannabis da distributore e cannabis da pusher! La mancanza di informazione non fa crescere la società leccese, anzi la getta nel baratro, la fa tornare al medioevo. Poi suggerirei un bell'incontro con quelle persone affette da gravi patologie che fortunatamente possono fare libero uso della sostanza (con basso thc - e lo sottolineo - ossia quella distribuita dalle macchinette). Detto questo, il distributore può stare in qualsiasi posto pubblico. Non ha importanza. Non c'è niente da nascondere.

    • Dato che non credo che ragazzi dai 13 ai 18 , 19 anni non hanno patologie e non sono grazie a dio affetti da nessuna grave forma di problematica , se non quella di tanta disinformazione e tanti vizi a causa di noi altri genitori, che senso ha mettere o promuovere tale prodotto proprio a 10 metri ? Poi credo che tutti sappiano le differenze di tali prodotti , non siamo nel medioevo ma non fomentiamo i ragazzi anche perche già sanno tanto .

  • Il motivo c'è, si vende di più che metterlo a San Cataldo ovvio no????

  • I soliti preistorici italiani dove qualunque cosa si propone trovano sempre qualcosa da dire.Ma che pensassero alle cose serie davvero.

  • avvisa anche i swat, i reparti speciali, i navy seal, ma secondo te se era una cosa non lecita avrebbero messo i distr. automatici..

  • Vicino la scuola però dai......!!! Si poteva mettere in piazza Sant Oronzo.....??????

  • Qu i ve la lottate per la finta cannabis, fa ridere questa cosa pensando che i ragazzi sono già ben più avanti. Si fanno alcol e bamba e parlate di canne che per loro sono già "da sfigati ".

  • Il bar avrebbe potuto continuare con la vendita dei prodotti da bar , colazioni,caffe ecc . Sicuramente una volta che si regolarizzi questa nuova vendita di cannabis nessuno si potrà opporre , resta il fatto che dovrebbe essere usata per scopi terapeutici e credo che i nostri ragazzi non ne abbiano bisogno, o almeno mi auguro che sia così . Il business credo lo si voglia fare proprio sui ragazzi , quindi trovo inopportuno questo distributore , che senso ha ?

  • Non dovrebbe esserci il distributore di cannabis legale non perché è cannabis ma per lo stesso motivo per cui non dovrebbero essere messi neanche i distributori di sigarette perché il FUMO avvelena le persone soprattutto gli adolescenti. Dovrebbero fare una legge al riguardo.

  • Se l'azione educativa interna alla scuola fosse incisiva, i giovani maggiorenni e non saprebbero bene come comportarsi davanti a tabacco, alcool, droghe, e rapper esaltati. Quindi inutile concentrare tanta attenzione davanti a una macchinetta silenziosa e poco invadente.

  • come previsto molti non hanno capito il senso dell'intervento della preside. voleva semplicemente dire che siccome la scuola ha anche una funzione educativa, lei non gradisce che certe cose, anche se non hanno principio attivo come dice qualcuno, avvengano sotto il suo naso. se poi la sera qualche ragazzo va al pusher, sono affari suoi. lei non può certo seguirli a uno a uno. e comunque se il distributore lo hanno messo lí piuttosto che davanti al centro anziani, un motivo ci sarà....

  • Ma ha ragione la dirigente. Fanno tutti un gran parlare della Scuola che deve fare questo e deve fare quest'altro e poi si lascia passare una cosa del genere? E i genitori cosa fanno, dormono? E' come se piazzassero un distributore di preservativi davanti alla chiesa. Ecchediamine!

    • tenendo conto che i preservativi salvano la vita, e impediscono il diffondersi di AIDS e sono solo un bene dovrebbero metterli loro stessi DENTRO la chiesa. ma che esempi fai.

      • Aho ... ci sei? e' risaputo che la chiesa è contro i contraccettivi, perchè è a favore della VITA.. Faccio l'esempio DELL'OPPORTUNITà. stai attento

  • nn è droga manca il principio attivo e cmq è meglio andare dai puscher vero?????bigotta

    • Se manca il principio attivo come può sostituire i pusher?

  • il prodotto in questione è innoquo, non apporta alcun beneficio, ne danno. dato il costo non molto contenuto, consiglio di risparmiarvi quei soldi, e di spenderli in tisane. quelle si che rilassano, favoriscono il sonno, e soprattutto NON arrichiscono ulterioremente lo stato, visto che si tratta dell'ennesimo monopolio.

    • E' solo una questione di opportunità. E' opportuno un distributore del genere, fosse anche solo per il nome, vicino a delle scuole? E' opportuno? NO.

      • rilegga il commento prima di commentare la prox volta, cosa ha letto?

  • Demonizzate la cannabis che porta anche benefici e tralasciate alcol e tabacco che fanno un milione di volte più male della cannabis!Solo in Italia la deficienza umana è così alta!

    • si tanta alta da credere che quella roba sia davvero cannabis. tutta fuffa.

  • per me non è normale tutto ciò, viviamo in un paese ancora molto arretrato, lontano anni luce da paesi che ci circondano, e poi si scandalizzano per un distributore di cannais light, figurati se apriranno un coffe shop, cosa succede, fai la professoressa che è meglio...

  • La cosa più preoccupante è l'abuso di alcool che i ragazzi fanno, il resto è contorno.

  • Avrebbero potuto scegliere un altro punto della città dove piazzarlo, e' diseducativo, già osano troppo i ragazzi d'oggi!!

  • Che senso ha ? I minorenni vanno con gli amici maggiorenni ed acquistano. È la stessa cosa che vale nei supermercati con gli alcolici. Non ha senso metterli solo per i maggiorenni.

    • i minorenni vanno dagli spacciatori, anch'essi minorenni.

  • Basta solo capire che non è droga... Ne più ne meno deola camomilla o di una tisana. Aboliamo meglio i distributori di caramelle e dolciumi...

    • Perfettamente d accordo...nn è droga sveglia...allora chiudiamo anche tutti i tabaccai in zona...

  • ma va... ma se so legali perché non possono starci?? che faccia la preside ....

  • Non sono contrario ne un censore, penso che molti tabacchini, che vendono sigarette ai ragazzini facciano il triplo di danno. Ma come è sbagliato piazzare un distributore di sigarette davanti ad una scuola, allo stesso modo è piazzarci un distributore di finta Maria. Dico ma non si può SEMPLICEMENTE usare il cervello, evitare il conflitto e metterlo da un altra parte? così tutti quanti sono più felici no? tanto ci vuole?

Notizie di oggi

  • settimana

    Misteriosa “rapina” a un corriere, scoperto l’autore: è la stessa vittima

  • Politica

    Poli Bortone minaccia il passo indietro: "Rimpiango il clima del 1998"

  • Cronaca

    Inchiesta Favori&Giustizia, confermati i domiciliari a Narracci

  • Cronaca

    Rogo nel deposito edile: va scemando l'ipotesi di seri danni ambientali

I più letti della settimana

  • Violento incidente sulla strada statale 101: in otto in ospedale

  • Brucia e crolla capannone della ditta edile. Si temono danni per la salute

  • Sesso con il pm per avere vantaggi, l'avvocatessa nega le accuse davanti ai magistrati

  • Vigilante si uccide con una pistola: secondo suicidio simile in poche ore

  • Misteriosa “rapina” a un corriere, scoperto l’autore: è la stessa vittima

  • "Mi cambia i soldi"? Ma gli rapina il portafogli e poi lo trascina con l'auto

Torna su
LeccePrima è in caricamento