Esuberi all'ipermercato Conad: aperte le procedure di mobilità per 39 dipendenti

Filcams Cgil e Uiltucs ritengono "irricevibili" le proposte della società Zeus, che gestisce il punto vendita di Cavallino, e chiedono una proroga dei contratti di solidarietà

Foto di repertorio

LECCE – Una notizia che non lascia tranquilli: l’ipermercato Conad di Cavallino, gestito dalla società Zeus, ha avviato le procedure di mobilità per 39 addetti, su un totale di 127 lavoratori impiegati nel punto vendita.

Una doccia fredda per i lavoratori, che però non coglie del tutto di sorpresa: l’apertura della procedura, infatti, era già stata annunciata agli inizi dell’anno ed è stata avviata già in diversi punti vendita della Puglia.

Le organizzazioni sindacali sono pronte a dare battaglia. Antonella Perrone e Daniela Campobasso, rispettivamente segretarie di Uiltucs Lecce e Filcams Cgil,  stanno seguendo da mesi la vicenda degli esuberi e ritengono “irricevibili” le proposte dell’azienda.

Uiltucs e Filcams respingono in toto le proposte tese a ridurre il personale e invitano l’azienda ad una seria valutazione dei numeri dell’organico necessari per gestire le superfici e i reparti dell’ipermercato.

“Sono inaccettabili anche le proposte avanzate sull’aspetto relativo agli scatti di anzianità: noi rigettiamo qualsiasi forma di politica derogatoria al contratto nazionale”, fanno sapere le due sindacaliste.

Filcams e Uiltucs hanno annunciato di voler trovare qualsiasi soluzione possibile e condivisa per azzerare gli esuberi dichiarati. Già il 26 luglio scorso, durante il primo incontro con l’azienda, le organizzazioni sindacali hanno ricordato che i lavoratori della Zeus ormai da anni sono sottoposti a sacrifici salariali in seguito al ricorso agli ammortizzatori sociali, contribuendo attivamente alla ripresa, sia pur contenuta, dei volumi di vendita.

I due sindacati hanno quindi chiesto al ministero del Lavoro un approfondimento relativo alla possibilità di proroga del contratto di solidarietà in scadenza a settembre (più di un anno fa l’azienda aveva quantificato 55 esuberi su 130 dipendenti) per un ulteriore periodo. In tal modo si consentirebbe alle parti di valutare modalità di assorbimento degli esuberi.

“Siamo molto preoccupati perché l’azienda ha dichiarato lo stato di crisi dal 2013, accedendo a una serie di ammortizzatori sociali, ma dei dieci ipermercati che fanno capo a Conad Adriatico (in Puglia, Molise e Abruzzo), solo tre sono usciti dallo stato di crisi aziendale”, dichiarano Perrone e Campobasso.

“Per questo – aggiungono - riteniamo necessario respingere i tentativi frettolosi di realizzare accordi penalizzanti per il salario ed il lavoro mettendo in discussione le argomentazioni poste dall’azienda. Piuttosto vogliamo promuovere azioni diverse finalizzate a ridimensionare gli esuberi, per evitare di mettere in ginocchio 39 famiglie del nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Sferra coltellata all'addome del barista: operato all'intestino, arrestato 47enne

  • Breve temporale, ma il fulmine si abbatte sulla casa: impianto elettrico fuori uso

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Salento in lutto per la perdita di Luigi Russo, protagonista di lotte per ambiente e diritti

Torna su
LeccePrima è in caricamento