Un fiocco nero su tutti i camici per ricordare i sanitari morti sul “campo”

L’iniziativa, a partire da domani, dall’Ordine dei medici della provincia di Lecce. “Un modo per ricordare vicinanza alle famiglie, la dignitosa compattezza della comunità”

Foto di repertorio.

LECCE – A partire da domani, medici e operatori sanitari della provincia di Lecce apporranno un fioco di colore nero sui propri camici. Una iniziativa per ricordate tutti quei professionisti morti “sul campo” negli ultimi giorni, uccisi dal Coronavirus mentre svolgevano il proprio lavoro e salvavano vite umane.

L’idea è stata promossa dall’Ordine dei medici chirurgi e odontoiatri del Salento, coordinati dal presidente Donato De Giorgi. Medici, infermieri e oss stanno infatti fornendo un contributo enorme di vite lacerate o stroncate per sempre dal contagio, “mentre viene, con l'impegno di ogni giorno, testimoniata la nostra straordinaria professione di cura e di solidarietà”, scrivono i portavoce dell’Ordine.

Un elenco quotidianamente sempre più lungo di operatori deceduti rappresenta un dolore infinito e una perdita incolmabile per tutti. Così, dal 27 di marzo “apporremo un fiocco nero sui nostri camici e sul sito istituzionale dell'Ordine dei medici di Lecce. Un modo per ricordarne il dolore, la vicinanza alle famiglie, la dignitosa compattezza della comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’auto finisce nella scarpata: muore 30enne mentre si reca al lavoro

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • “Non sopporto più mia moglie, al mare per rilassarmi”. E’ fra i 103 nuovi denunciati

  • Salento, 117 casi positivi. Deceduta 95enne: era ospite in una casa di riposo

  • Puglia, sale a 786 il numero dei contagi. In provincia di Lecce altri 17

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

Torna su
LeccePrima è in caricamento