Guardia costiera di Otranto, cambio al vertice: da Napoli ecco Vicedomini

Dopo due anni, saluta il tenente di vascello Elena Manni. Ha contrastato fenomeni come abusivismo demaniale e pesca illegale

OTRANTO – Cambio della guardia nell’Ufficio circondariale marittimo di Otranto. Dopo due anni di intenso lavoro, il tenente di vascello Elena Manni lascia la sede e cede il comando al suo pari grado Pietro Vicedomini.

Nel suo periodo, il comandante Manni ha concentrato l’attività sulla lotta all’abusivismo demaniale, sul contrasto ai fenomeni che pregiudicano l’ambiente, la sicurezza della navigazione e la salvaguardia della vita umana in mare. Diversi sono stati, in questi due anni, anche gli interventi in materia di contrasto alla pesca illegale, a protezione degli stock ittici e a tutela del consumatore finale.

Al suo posto, al comando dell’autorità marittima di una realtà importante come Otranto, arriva dunque il tenente di vascello Pietro Vicedomini. Porta con sé un bagaglio di esperienze maturate prima presso la Capitaneria di porto di Torre del Greco, poi presso la Direzione marittima di Napoli prestando servizio, in entrambi i casi, in uffici tecnico/operativi.

Stessa estrazione quindi per entrambi gli ufficiali, a garanzia di un principio di continuità amministrativa. Nel cedere il comando al suo successore, il comandante Manni ha ringraziato quanti, istituzioni e privati cittadini, sono stati vicini all’autorità marittima di Otranto. Prenderà servizio presso la Capitaneria di porto di Brindisi con un ruolo interno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Tallonano la Punto, poi il colpo di pistola per far scendere la vittima

  • Paura sulla statale: perde il controllo e si schianta contro guardrail e albero

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

Torna su
LeccePrima è in caricamento