Interconnessione con Tap, tra un mese l'avvio dei lavori per il metanodotto Snam

Tutti i Comuni interessati dal tracciato hanno ricevuto la comunicazione. Il tracciato è diviso in tre lotti, il cantiere procederà da nord verso sud. Entrata in esercizio prevista alla fine del 2020

LECCE – Il 12 gennaio è la data in cui Snam ha fissato ufficialmente l'avvio dei lavori per il metanodotto di connessione tra la rete nazionale e il Tap. La dice la comunicazione che il project manager della società, Andrea Castellaneta, ha inviato ai Comuni e agli enti interessati, sia centrali che periferici.

L’infrastruttura di collegamento sarà divisa in tre lotti: il primo comprende il tracciato ricadente nei territori di Melendugno, Vernole, Lizzanello, Castri di Lecce e in parte in quello di Lecce; il secondo interessa sempre il capoluogo, quindi Surbo e parte di Torchiarolo; l’ultimo investe il resto del territorio di Torchiarolo, San Pietro Vernotico e Brindisi.

Il cronoprogramma scandisce le fasi realizzative previste: l’entrata in esercizio è fissata alla fine del 2020, mentre nel giugno seguente dovrebbero concludersi le operazioni di ripristino (muretti a secco, reimpianto degli ulivi). Si precisa che il cantiere di realizzazione procederà da nord verso sud.

Tutte le amministrazioni interessate hanno già deliberato un parere negativo – nell’ottobre del 2017 lo hanno formalizzato alla conferenza dei servizi presso il ministero dello Sviluppo Economico – e hanno ribadito la loro posizione in tutti gli incontri che si sono nel frattempo tenuti presso la Regione Puglia. Come per il Tap, anche quest’opera avrà un impatto tangibile nella fase di cantiere, soprattutto sul paesaggio rurale che il tracciato attraversa: nel solo territorio del capoluogo saranno espiantati oltre 3mila ulivi.

Sul fronte del Tap, invece, decaduta l’ordinanza di interdizione del prelievo di acqua nell’area del cantiere di San Basilio, emanata e poi ribadita per due volte dal sindaco di Melendugno, Marco Potì, il consorzio ha ripreso lavori secondari, in attesa dell’arrivo della talpa meccanica con la quale si dovrà scavare il tunnel dal pozzo di spinta fino al punto di uscita in mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

  • Buco sul muro del negozio di abbigliamento nel centro commerciale: il furto fallisce

  • Violentò la figlia e nacque una bambina: il padre condannato a 30 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento