Una interrogazione del M5S chiama in causa il procuratore aggiunto Mignone

La vicenda riguarda un immobile, a Porto Cesareo. Una porzione ridotta, venne accertato solo dopo la sua costruzione, ricade su area demaniale: nelle more dell'iter i proprietari pagano il canone concessorio

LECCE – Sette senatori del M5S, di cui uno solo pugliese (della provincia di Brindisi), hanno portato sui banchi del Parlamento una vicenda che investe il procuratore aggiunto Elsa Valeria Mignone, il magistrato che da qualche tempo coordina le inchieste per reati ambientali: sotto la sua gestione i controlli sul litorale salentino sono diventati una priorità, determinando una stretta su irregolarità e abusi legati agli stabilimenti balneari.

Ma, proprio sulla materia più frequentemente oggetto delle attività del magistrato, i pentastellati la chiamano in causa in relazione ad una richiesta di concessione demaniale marittima, presentata nel 2014, per un’area di 42,60 metri quadrati. Si tratta di una porzione di una superificie sulla quale venne edificato un immobile, secondo progetto regolarmente assentito, agli inizi degli anni Sessanta. Una delle unità abitative fu acquistata nel 1969 dal padre della Mignone, con regolare atto notarile.

Un anno dopo, nel 1970, la capitaneria di porto accertò che ricadeva su demanio pubblico. I diversi proprietari di allora acquisirono i pareri favorevoli degli enti proposti e proposero richiesta di concessione demaniale, reiterandola nel 1978 con un parere del ministero della Marina mercantile che stabiliva l’estraneità dell’area rispetto agli “usi pubblici del mare”.

Quel procedimento è ancora aperto tanto che nel novembre scorso i diretti interessati ne hanno chiesto la definizione. Qualche mese prima, a giugno, il Comune di Porto Cesareo aveva inserito sull’albo pretorio l’avviso di pubblicazione di domanda di concessione demaniale marittima (presentata nel 2014 dalla Mignone per subentrare nella titolarità alla madre, intanto defunta) richiamata dai senatori pentastellati nella premessa della propria interrogazione.

Nelle more del procedimento, comunque, era stato concesso l’uso dell’area demaniale fino al 2020 senza soluzione di continuità ai proprietari che hanno versato - e continuano a farlo - il corrispondente canone.  

I senatori del M5S hanno chiesto al ministro competente, Toninelli, quali iniziative si possano assumere sia rispetto al caso specifico che alla questione dell’abusivismo e delle cementificazione del territorio, ricordando che la zona in questione ricade all’interno del sito archeologico Scalo di Furno-Bacino Grande. L’istituzione dell’area di interesse storico, va comunque ricordato, è successiva alla costruzione dell’immobile. Delle prime interessanti scoperte, infatti, la Soprintendenza venne interessata nel 1969.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • andatevi a fare una ricerchina sui firmatari dell'interrogazione, ma guarda caso, come mai loro fanno interrogazioni per luoghi così lontani da casa.

  • In Italia appena tocchi la lobby dei balneari partono le interrogazioni parlamentari.

  • Se la descrizione giornalistica e esatta tutta l’iniziativa politica va a farsi benedire , ma non hanno problemi più importanti da discutere? Che politica di m........

  • Non posso erigermi a difensore della dr.ssa Mignone,non è ho titolo e sicuramente non è ha bisogno.Ma una domanda mi sorge spontanea:Questi 7 senatori come fanno a confondere la cacca con il cioccolato? Si scivola sia sull'una che sull'altro

  • Mi sembra che non ci sia nessuna irregolarità... infatti l'interrogazione dei 5 stelle mi sembra molto generica...

  • Ti sembra il nulla un ecomostro costruito a ridosso del mare!!!???.... bah io non direi proprio considerando poi il fatto che il soggetto implicato nella questione è un procuratore aggiunto della REPUBBLICA ITALIANA che dovrebbe garantire ,fa tanto la Paladina della giustizia e poi è la prima ad avere un immobili a ridosso del mare " NON REMOVIBILE" che oltre ad ostruire la vista deturpano anche il paesaggio e dove magari ci saranno state pure delle dune che per magia sono sparite !!! come si dice PARLA BENE E RAZZOLA MALE!!! MEDITATE GENTE MEDITATE...

    • Ed eccolo qua, uno che era li nel 1962 e ha visto le dune. Caro, spero che la Mignone vi chieda tanti di quei danni da aver bisogno del reddito di cittadinanza, e visto il vostro alleato di governo della tessera per il pane.

  • È un episodio che risale addirittura agli anni 60. Peraltro per una abitazione acquistata e non costruita direttamente. In quegli anni e anche dopo, a Porto Cesareo sono accadute cose turche. A molti è capitato di acquistare degli immobili con rogito notarile e poi scoprire che esistevano dei vizi urbanistici. Sono cose che accadono e certamente non si puó attribuire colpe alcune, addirittura agli eredi, che all’epoca dei fatti forse non erano ancora nati.

  • il Movimento 5 Stelle è veramente alla frutta!! Interrogazione sul nulla ,ma per piacere

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni comunali: alle 19 ha votato il 57,7 per cento degli elettori leccesi

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

  • Politica

    Sulla scheda il candidato che “non esiste”: un "De" di troppo ma elezioni proseguono

  • Sport

    La prevenzione contro il cancro si fa "di corsa": torna la “Gallipoli ColouRun”

I più letti della settimana

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

  • Un Rolex inesistente e il finto rimborso. Ed è doppia truffa da 24mila euro

Torna su
LeccePrima è in caricamento