I carabinieri aiutano la Befana a portare i doni ai bambini del "Vito Fazzi"

Tanta gioia stamattina in ospedale, in Pediatria e nell'Oncologico. E... tutto ok per la scopa: la revisione era in regola

LECCE – Una sorpresa del tutto inattesa, che ha illuminato i volti di venticinque bambini ricoverati al “Vito Fazzi”, nei reparto di Pediatria ordinario e dell’Oncologico. All’improvviso, infatti, si sono presentati i carabinieri, portando con sé i doni della Befana.  

Una rappresentanza della Sezione radiomobile dell’Arma, intorno alle 10, ha fatto ingresso con un corposo carico di regali, lasciando stupiti anche medici, infermieri e personale dell’ospedale. Ciascun bambino ha ricevuto un piccolo gioco o un accessorio, come zaini o altro. Per i piccoli ospiti della struttura, un momento da gustare in piena allegria, nel giorno in cui, 2019 anni or sono, i Re Magi raggiungevano l’umile stalla in cui era nato Gesù.

Davvero incontenibile  la gioia di alcuni dei bambini, che, alla vista del regalo tanto desiderato, si sono letteralmente gettati tra le braccia dei carabinieri, ringraziandoli.  In questo modo, i militari hanno portato un sorriso a coloro che più ne avevano bisogno, con un’attenzione speciale verso quei più piccoli rappresentanti della comunità salentina che in questo momento della loro vita stanno affrontando grandi battaglie.

BEFANA 3-3

E pensare che tutto è nato da un… inseguimento! Già, lo scrivono nero su bianco gli stessi carabinieri in un loro comunicato stampa. “Al termine  di un rocambolesco inseguimento alla Befana” “la vecchina perdeva parte dei regali contenuti nel suo sacco”. E così, “prima di sfuggire alle gazzelle facendo perdere le sue tracce, si sono recati presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce per portare quei doni”.

BEFANA 1-2E non è tutto: “Al loro rientro in sede, ad attenderli, i militari hanno trovato la Befana che, scusandosi per non essersi fermata all’alt, causa ritardo sulla tabella di marcia, per evitare di essere contravvenzionata, ha consegnato loro il suo documento di identità e la carta di circolazione della scopa, regolarmente revisionata un paio di lustri fa…”.

Ovviamente, “prima di andar via, la vecchina  ha ringraziato i carabinieri per averle dato una mano nella consegna di quei regali “speciali” per bambini altrettanto straordinari e coraggiosi”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Bravi, veramente bravi, gente che onora la divisa che indossa, certamente noi Leccesi non possiamo dire altrettanto della Municipale. Un particolare plauso va alle nostre Vigilesse, a volte sembra che si nascondono per aspettare la ben minima infrazione ed intervenire col blocchetto. Multano persino vicino le farmacie se il cliente tarda a comprar le medicine, e poi "NON POSSO FAR NULLA HO INIZIATO IL VERBALE". Una volta si usava fischiare prima di scrivere, oggi sembra che intervengono appena ti volti. Brave veramente brave siete riuscite a non fare più entrare in città le auto provenienti dalla provincia.

    • concordo pienamente. gente poco utile alla società ma soprattutto i primi a multarti x un infrazione ed i primi a commetterle in veste civile. bell esempio...

  • Veri signori.Onore all’Arma.

  • Bel gesto...

  • Un gesto nobile come la divisa indossata....una bellissima idea!!! Complimenti

  • ché bravi

  • Bravi!!!

  • Ottima iniziativa!!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Fa un incidente e chiede aiuto: il "soccorritore" tenta di stuprarla

  • Cronaca

    Brillantante servito invece di acqua, ispezioni di Nas e Asl nel bar

  • Sport

    Mancosu illude un buon Lecce, ma Coda tiene in piedi il Benevento

  • Attualità

    Pascoli, fondi Ue, mafia: intervista all’uomo che non voleva essere eroe

I più letti della settimana

  • Brucia e crolla capannone della ditta edile. Si temono danni per la salute

  • Vigilante si uccide con una pistola: secondo suicidio simile in poche ore

  • Misteriosa “rapina” a un corriere, scoperto l’autore: è la stessa vittima

  • "Mi cambia i soldi"? Ma gli rapina il portafogli e poi lo trascina con l'auto

  • Fa un incidente e chiede aiuto: il "soccorritore" tenta di stuprarla

  • Brillantante servito invece di acqua, ispezioni di Nas e Asl nel bar

Torna su
LeccePrima è in caricamento