Chiese aperte? "Ok, ma rivedere il prezzo del ticket e allungare i periodi"

Le sezione turismo di Confindustria scrive all'arcivescovo. L'idea di base è buona, ma occorre una concertazione con gli operatori

Il campanile del Duomo di Lecce.

Chiese aperte, ma con qualche ritocco. Dall’allungamento del periodo, fino a una revisione dei prezzi. Varie sono le proposte per integrare un’idea di base ritenuta molto valida, ma che, secondo la sezione turismo di Confindustria Lecce, va ampliata e rivista in alcuni aspetti. Partendo dal fatto, per esempio, che molti operatori turistici hanno già diverse prenotazioni, ma si trovano oggi in difficoltà perché i loro ospiti non potranno fruire del servizio. 

L’idea in questione è quella all’origine del progetto “Lecceclesiae”, promosso dall’Arcidiocesi e realizzato dalla cooperativa sociale Artwork. Se n’è parlato nei giorni scorsi, prima e dopo la presentazione: Duomo, San Matteo Santa Chiara, Santa Croce, così come museo diocesano e chiostro dell’antico seminario, saranno aperti ai turisti ogni giorno, dalle 9 alle 21, fino a settembre. Stessi orari a dicembre, il giorno di Capodanno e sotto Pasqua. Il tutto, rivolto ai turisti e con un prezzo di 10 euro. Biglietti della validità di tre mesi (qui il progetto in tutti i dettagli).   

Gli operatori: "E' mancata la concertazione"

L’iniziativa ha avuto il merito di portare una ventata di concretezza nell’ambito di un vecchio e mai sopito dibattito su una fruibilità maggiore del patrimonio storico e artistico della capitale del barocco. Eppure, non sono mancate alcune lamentele. Sono quelle di operatori turistici associati e non di Confindustria, rammaricati per l’assenza di concertazione. E alla fine, raccolte le varie segnalazioni, il presidente della sezione, Giuseppe Coppola, e il delegato all’internazionalizzazione, Giovanni Serafino, hanno scritto una lettera all’arcivescovo Michele Seccia con alcune proposte. L’obiettivo è trovare una sinergia con gli operatori che si sentono oggi in difficoltà. 

“L’iniziativa è chiaramente positiva – scrivono Coppola e Serafino - in quanto i turisti avranno finalmente la possibilità di visitare le chiese per tutta la giornata, con benefici effetti dal punto di vista sociale ed economico e ricadute occupazionali importanti per il territorio”. 

“L’apertura dei luoghi di culto, inquadrata in un ambito ampio e organizzato, condiviso con gli operatori, che di fatto promuovono e indirizzano le scelte dei turisti, può infatti fungere da reale attrattore, favorendo la migliore fruibilità della città e delle sue bellezze artistiche ed architettoniche. Duole però constatare – proseguono nella missiva - che tale proposta non sia stata concertata in anticipo con gli attori del comparto turistico, i quali, avendo già acquisito prenotazioni per l’anno in corso, si trovano ora in notevoli difficoltà”.

Come integrare: quattro proposte principali

Facendo una sintesi, quattro sono le proposte all’attenzione di monsignor Seccia. La prima: per gli operatori, occorre prolungare il periodo “estivo” di apertura full-time fino a tutto il mese di ottobre. Questo poiché numerosi gruppi di stranieri hanno già prenotato negli hotel della città. La seconda: è ritenuto opportuno prevedere l’esenzione del pagamento del ticket per i turisti -  individuali e gruppi - che hanno già prenotato presso tour operator e agenzie di viaggi per l’anno in corso. La terza:   è necessario predisporre lo “spacchettamento” degli ingressi, in modo che il turista possa acquistare anche un solo biglietto per un solo sito. Quarta e ultima: occorre rivedere il costo del ticket. Almeno per un concordato periodo di prova. Per poi, magari, puntare al rialzo in un secondo momento.  

“La città di Lecce – evidenziano il presidente Coppola e il delegato Serafino - fa parte di un sistema turistico regionale e qualsiasi iniziativa deve inserirsi in modo armonioso in tale contesto, per non correre il rischio di destabilizzare il turista che sceglie di venire in Puglia tramite svariati sistemi e con non poche difficoltà logistiche”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nei principali luoghi di culto della regione, come la Basilica di San Nicola e la Cattedrale di San Sabino di Bari, la Cattedrale di Trani, la Basilica Orsiniana di Santa Caterina di Alessandra a Galatina, la Cattedrale di Sant’Agata a Gallipoli, l’ingresso è gratuito e, pertanto, proponiamo, sino alla fine dell’anno, che possiamo considerare “periodo test”, di limitare il costo a 1 euro per ogni sito, per poi applicare tariffe un po’ più alte e già concordate dal 2020”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

  • Rave nelle campagne, musica sparata per ore: sgomberati in circa 300

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento