Salvi, un leccese procuratore generale presso la Corte di Cassazione

La Giunta distrettuale di Lecce, Brindisi e Taranto dell’Anm saluta con favore la nomina: "Sarà guida sapiente ed autorevole"

Giovanni Salvi (foto Ansa).

LECCE – Leccese, 67 anni, il concorso in magistratura vinto nel 1979, un’esperienza iniziale a Monza e, poi, una carriera che s’è svolta per buona parte a Roma. La nomina avvenuta nei giorni scorsi di Giovanni Salvi in qualità di procuratore generale presso la Corte di Cassazione viene salutata oggi “con viva soddisfazione” dalla Giunta distrettuale di Lecce, Brindisi e Taranto dell’Associazione nazionale magistrati.

“Salvi, nativo di Lecce, ha alle spalle una lunga e brillante carriera nella magistratura requirente, avendo prestato servizio per molti anni alla Procura di Roma, ove entrò nel pool antiterrorismo, occupandosi in particolare dell’eversione di destra, subito dopo gli omicidi dei colleghi Vittorio Occorsio e Mario Amato, nonché di altre importanti indagini, quali quelle sull’omicidio di Mino Pecorelli e Roberto Calvi, nonché sui Nar e sulle Brigate Rosse”, ricordano i magistrati dell’Anm locale, in una nota a firma del presidente Maurizio Saso e del segretario Pietro Lisi.

“Ricordiamo, inoltre – prosegue la nota -, come lo stesso sia stato in passato procuratore della Repubblica di Catania e procuratore generale presso la Corte d’appello di Roma ed anche componente del Consiglio superiore della magistratura ed abbia ricoperto, altresì, la carica di vicepresidente dell’Associazione nazionale magistrati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo l’Anm salentina, la sua nomina giunge illuminante in un momento particolare. “In questo difficile momento che sta vivendo il nostro sistema di autogoverno- conclude, infatti, la nota -, siamo certi che Giovanni Salvi, nostro illustre conterraneo e magistrato dalla spiccata caratura morale e dalle eccellenti doti professionali, saprà essere una guida sapiente ed autorevole per la categoria requirente e per la magistratura tutta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Con l'auto fino in mare per depositare la moto d'acqua: sconcerto a San Cataldo

Torna su
LeccePrima è in caricamento