Marina di San Cataldo, al via i lavori per allargare la rete di fognatura nera

Le operazioni inizieranno lunedì. Si arriverà alla messa in posa di 5mila 629 metri lineari. E il prossimo passo sarà il metano

Il faro, simbolo di San Cataldo.

LECCE – Potenziamento ed estensione della rete di fognatura nera a San Cataldo, si parte. I lavori per la marina di Lecce inizieranno lunedì 1 ottobre e saranno curati da Acquedotto pugliese e Autorità idrica pugliese. E’ prevista la messa in posa di 5mila 629 metri lineari di fognatura a San Cataldo.

I lavori sono realizzati nell’ambito di un progetto che ha già portato la rete fognaria per la prima volta nei villaggi della costa (Villaggio Adriatico, Villaggio Dario e Villaggio del Sole), i cui centri abitati erano completamente sprovvisti di rete di fognatura nera.

“Come più volte abbiamo ribadito – dichiara l’assessore ai Lavori pubblici Alessandro Delli Noci - per consentire lo sviluppo delle marine leccesi abbiamo bisogno di partire dalle basi, dalle reti infrastrutturali primarie. Con questi lavori finalmente sarà potenziata la fogna nera a San Cataldo, contribuendo a mettere fine a una condizione di disagio che è andata avanti per troppo tempo. Nel prossimo consiglio comunale porteremo la delibera per l'arrivo della rete del gas metano. L’infrastrutturazione delle reti primarie è una opportunità straordinaria di rilancio della marina che va nella direzione di farla divenire realmente quartiere della città sul mare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se, dunque, a San Cataldo saranno posati 5mila 629 metri lineari, a Villaggio Adriatico ne sono stati già posati mille 526, a Villaggio Dario 3mila 308 e a Villaggio del Sole 760. L’opera di servizio alle comunità residenti e a quanti popolano questi luoghi d’estate è inquadrata in un contesto generale che prevede il collettamento dei reflui mediante un collettore principale a gravità che recapita i reflui presso un impianto di sollevamento a San Cataldo e una condotta in premente che, dall’impianto, rilancia i reflui verso il depuratore di Ciccio Prete.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

Torna su
LeccePrima è in caricamento