Con 500 bici pubbliche il nuovo servizio di mobilità: senza cauzione, basta un'app

Presentato il servizio di bike sharing senza obbligo di postazione fissa: possibilità di abbonamenti. Gestione e manutenzione all'associazione Ruotando

Da sinistra Alba, Salvemini, Crociani e Puce.

LECCE - Dopo alcuni giorni di sperimentazione in sordina con circa 500 "viaggi", è stato presentato il nuovo servizio di bike sharing in modalità free floating nella città di Lecce: la differenza fondamentale rispetto alla tipologia tradizionale è che le bici non devono essere prese e lasciate in punti prestabiliti.

L'amministrazione Salvemini ha stretto un accordo con oBike, azienda già presente in Italia e attiva a Roma, Torino, su tutta la Riviera romagnola da Ravenna a Cattolica. A settembre verranno tirate le somme della stagione estiva e si deciderà come procedere. La sinergia coinvolge anche l'associazione Ruotando della Ciclofficina della Manifatture Knos che si occuperà della gestione pratica e della manutenzione.

E proprio negli spazi aperti del grande contenitore culturale nel rione Salesiani si è svolta la conferenza stampa alla quale hanno partecipato Carlo Salvemini, sindaco di Lecce, Andrea Alba, presidente di Ruotando e Andrea Crociani, general manager di Obike Italia e Giovanni Puce, dirigente del settore Mobilità. Si parte con uno stock di 500 bici per arrivare a un massimo di mille e 500.

Per utilizzare il servizio basta scaricare la relativa applicazione e avere un conto PayPal oppure una carta di credito. Non è prevista una cauzione, ma solo una tariffa di 50 centesimi per mezz'ora con possibilità di abbonamento giornaliero, per tre, quindici, trenta e novanta giorni. Utilizzando il proprio smartphone si localizzerà la bici più vicina, si sbloccherà il lucchetto tramite un Qr Code e si potrà partire per poi lasciare la bici una volta giunti a destinazione.

Qui per scarica l'app su Google Play e App Store

Non ci sono, come detto, stalli fissi, ma l'importante è non creare intralcio ai pedoni e alla circolazione. Per arginare il rischio di un uso improprio, oBike ha introdotto un sistema di premi e penalizzazioni. Alla registrazione l’utente riceverà 100 punti che andranno ad aumentare in caso di corretto uso e a diminuire nel caso contrario. Più basso sarà il punteggio, più alto sarà il costo del servizio.

Le bici non sono da cicloturismo, cioè adatte a coprire grandi distanze, ma sono quelle che vengono definite dell'ultimo miglio nei paesi dove il servizio è attivo da tempo. Insomma, sono utili per spostamenti in ambito urbano. Ciascun mezzo è georeferenziato e dunque qualsiasi furto ha ottime probabilità di essere scoperto. Crociani, sul punto ha peraltro chiarito che non ci sono differenze sostanziali tra Nord e Sud dell'Italia per quanto riguarda furti e atti di vandalismo.

Il dirigente Puce ha aggiunto qualche altra notizia in tema di mobilità: saranno recuperate sei delle undici stazioni del bike sharing tradizionale che, dunque, si affiancherà al nuovo servizio e con un milione e mezzo di euro sarà implementata e migliorata la rete ciclabile cittadina. Per quanto riguarda il progetto di velostazione, invece, si attende la graduatoria: prevede un deposito di 120 biciclette più un’officina per riparazioni presso lo scalo ferroviario leccese.

Il video: il sindaco spiega le novità

Le dichiarazioni

Il sindaco Salvemini è fiducioso che con questa modalità di ultima generazione, finalmente si possa intraprendere un passo deciso verso la mobilità sostenibile: “Lecce è al fianco di altre città dal Piemonte alla Romagna e alla Capitale nell'adottare questa modalità di bike sharing che crediamo sarà apprezzata per la semplicità di utilizzo e perché ha meno vincoli rispetto al bike sharing tradizionale. Lecce è una città amica dei ciclisti per molte ragioni: per il clima, perché è una città pianeggiante, per le brevi distanze che la caratterizzano. È una potenzialità da valorizzare. L'importante è che le bici siano rispettate dai leccesi e vengano utilizzate con cura, come se fossero proprie e parcheggiate in maniera corretta. Sulla mobilità urbana noi abbiamo il compito di arare il terreno, di sensibilizzare, di offrire delle opportunità, consapevoli che i processi di cambiamento richiedono tempi medio lunghi. Abbiamo cominciato da tempo, oggi segniamo un'altra tappa con oBike e, anch'io da oggi utilizzerò il servizio”.

 “La differenza tra obike e il resto del mercato - ha dichiarato Andrea Crociani, general manager oBike Italia - sta proprio nell'importanza che diamo alle località. Per noi è indispensabile collaborare con chi conosce la propria città e sa come è meglio gestire il servizio. Per questo, dividiamo i nostri guadagni con aziende del territorio a cui affidiamo la gestione della manutenzione e il riposizionamento. Siamo molto contenti di poter sperimentare questo servizio a Lecce. Abbiamo già fatto un piccolo test pre weekend con 50 bici e sappiamo che sono stati effettuati 500 viaggi. Un buon inizio direi”.

"Oggi è una giornata importante - ha commentato il presidente dell'associazione Ruotando della Cliclofficina popolare Knos Andrea Alba - perché si ribadisce la nuova visione che l'amministrazione comunale sta portando avanti, una visione in cui la mobilità sostenibile ha un valore. Come Ciclofficina abbiamo spostato subito questo progetto siamo a disposizione per efficientare il servizio. Abbiamo da poco ultimato qui alle Manifatture Knos un parcheggio di biciclette di interscambio che darà un valore aggiunto in questa direzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

Torna su
LeccePrima è in caricamento