Oltre 2mila chiamate al numero della Protezione civile: l'aiuto del Comune

L'amministrazione ha reso disponibile un numero per aiutare chi non ha supporto ed è in isolamento: i volontari hanno già distribuito generi alimentari e farmaci

Foto di repertorio

LECCE – Non tutti, in tempo di emergenza sanitaria, godono del sostegno di una rete familiare e amicale e così l'isolamento può comportare seri problemi nella gestione delle attività quotidiane.

Il Comune di Lecce ha voluto aiutare le persone che vivono queste limitazioni in condizioni di isolamento fiduciario o perché poste sotto sorveglianza sanitaria, attivando il numero 0832-230049.

Questa linea è stata messa a disposizione dalla Protezione civile di Lecce, nell’ambito delle attività del Centro operativo comunale attivato già il 10 marzo. E l'iniziativa ha ottenuto già un buon risultato considerato che, ad oggi, le famiglie che hanno contattato il numero sono state 2mila 174.

Le chiamate sono bastate ad attivare i volontari delle associazioni di Protezione civile che si sono dati da fare per garantire i beni di prima necessità a chi ne aveva bisogno e non poteva muoversi da casa, recandosi personalmente al supermercato o in farmacia e consegnando generi alimentari e farmaci.

Il numero di chiamate, cresciuto significativamente negli ultimi giorni, ha riguardato 563 richieste per approvvigionamento farmaci, 492 per spesa alimentare, 1119 per informazioni legate alle disposizioni relative alla gestione dell’emergenza.

Un trend confermato dall'assessore al ramo, Sergio Signore: "La crescita dei contatti è dovuta sia all’aumento delle persone in isolamento domiciliare, sia alla grande diffusione del numero di assistenza tra la popolazione anziana".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Fin dal mattino – ha raccontato lui - i volontari della Protezione civile sono impegnati ad organizzare e svolgere gli interventi in ordine di urgenza. Se la nostra città sta rispondendo bene alle prescrizioni governative sul restare a casa per evitare rischi è anche grazie al loro lavoro e di questo gli sono grato come cittadino e come amministratore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • Doppia tragedia: 70enne si lancia nel vuoto. Una donna cade durante le pulizie

  • Alla vista degli agenti, si “rifugia” in mare con la bici: multa al ciclista nuotatore

  • Epidemia da Covid-19: cinque decessi in provincia di Lecce, 18 nuovi casi

Torna su
LeccePrima è in caricamento