Otranto “blinda” la stagione turistica. Sicurezza e fruibilità garantite per l’estate

L’amministrazione comunale ha lanciato la campagna integrata “Otranto, Sicuramente” per rendere la città fruibile tra percorsi pedonali dedicati, obbligo di mascherine e spot di richiamo per i turisti

OTRANTO - Percorsi pedonali dedicati per regolamentare la movida, mascherine e distanze di sicurezza, ma non solo. La città di Otranto non vuole rimanere “martire” dell’emergenza pandemica e lancia il suo piano particolareggiato e di richiamo turistico per rendere il territorio fruibile fin da subito e garantire, nonostante tutto, una stagione estiva in piena sicurezza. Fruibilità degli spazi pubblici nel pieno rispetto delle misure di contenimento e tutela secondo di protocolli imposti da ministero e Regione, e in più una campagna di comunicazione integrata per non perdere l’attrattività turistica consolidata nel corso degli anni: sono queste le due grandi linee guida del programma “Otranto, Sicuramente” lanciato dall’amministrazione comunale e illustrato a larghe linee questa mattina dal sindaco Pierpaolo Cariddi.

Il Comune idruntino infatti, dopo un attento studio, ha elaborato un piano per garantire, nonostante il periodo incerto, i posti di lavoro legati alla stagione estiva e la sicurezza, appunto, sia per gli operatori che per gli ospiti che ogni anno giungono sul territorio per trascorrere le vacanze.

Video | Lo spot lanciato sui canali istituzionali

Il sindaco Pierpaolo Cariddi ha quindi illustrato le azioni programmate, invitando gli operatori a collaborare e i turisti a scegliere, ancora una volta, anche quest'anno, la meta di Otranto per le proprie vacanze. “Poter vivere in sicurezza il nostro territorio sarà determinante per continuare ad essere scelti come destinazione turistica in questa estate” spiega il primo cittadino, “garantire sicurezza, però, non dovrà assolutamente impedirci di far vivere ai nostri ospiti il meglio di ciò che abbiamo saputo mettere in campo fino ad oggi”.

“Anzi, proprio ciò che stiamo vivendo oggi deve farci riflettere ancor più sui nostri modelli di vita e di turismo, accelerando quel percorso già intrapreso che mira a trasformare una semplice vacanza in una vera esperienza, da vivere con tutti i sensi che ci sono stati donati. Nonostante il coronavirus Otranto c’è ed è pronta a coccolare in sicurezza tutti coloro che ci raggiungeranno per condividere con noi un momento di vita e riconquistare, dopo tanta difficoltà, un po’ di serenità”.

Lo spot di richiamo “Otranto, Sicuramente”

Il motto “Otranto, Sicuramente” è la campagna di comunicazione integrata pensata dall’amministrazione comunale di Otranto che basa la sua forza su due principi chiave: la sicurezza e l’esperienza. Il tema della sicurezza viene fortemente veicolato dal claim “Otranto, Sicuramente”, in cui sicuramente rimanda al concetto di sicurezza, certezza, tranquillità, rafforzato dal pay off “la tua estate in tutta sicurezza”.

Anche quest’anno sarà possibile andare al mare, passeggiare fra i vicoli del borgo antico, visitare i monumenti, mangiare un gelato all’aria aperta. Non si dovrà rinunciare a tutto ciò, ma sarà certamente necessario rispettare delle regole e delle buone pratiche che sono alla base  della ripartenza: distanze di sicurezza, sanificazione, uso dei dispositivi di protezione individuali, implementazione dei controlli, e via dicendo.

Borgo antico e luoghi di cultura

Saranno riaperti tutti i contenitori culturali caratteristici di Otranto: il castello Aragonese, la Torre Matta e il Faro di Palascia. In ogni struttura saranno assicurati percorsi e metodi che garantiranno le distanze sociali e tutte le accortezze per evitare la diffusione del virus.

“Il rispetto delle distanze è certamente l’elemento sul quale porre le maggiori attenzioni” spiega il sindaco Cariddi, “ancora di più nei piccoli spazi pubblici come quelli dei nostri centri storici. Quest’anno, infatti, il centro storico dobbiamo trattarlo come un museo”.

Sarà infatti obbligatorio l’uso della mascherina a partire dai tre ingressi (Porta terra, Porta a mare e Ponte di legno) fino al tavolo del bar o ristorante prescelto. Le strade tradizionalmente più affollate, quali corso Garibaldi, via Immacolata, Bastione Pelasgi, saranno caratterizzate da un senso unico pedonale per evitare assembramenti.

Un programma già concordato con le ditte specializzate garantirà costanti sanificazioni delle piazze e strade pubbliche, dei nostri monumenti ed edifici pubblici, con attenzione particolare ai locali dei servizi igienici, ai cestini dei rifiuti, alle panchine e a tutte le superfici di appoggio delle persone.

Un'adeguata segnaletica e la diffusione di un vademecum on line e cartaceo, trasferirà con facilità le informazioni necessarie per vivere al meglio la città.

La fruibilità della costa

Nonostante la grave crisi economica che anche Otranto vive come tutti i Comuni turistici, per le mancate entrate che già si registrano e si registreranno, saranno garantite la pulizia di pinete, coste e spiagge libere grazie a un finanziamento regionale già precedentemente intercettato. E’ quanto ha assicurato sempre il primo cittadino rammentando anche come in queste zone sarà imposta la distanza sociale di almeno due metri tra nuclei familiari differenti e una superficie massima di 5 metri quadri occupabile per persona.

Sui tratti di maggiore lunghezza degli arenili di Alimini sarà garantito anche un servizio di salvamento e vigilanza. Vietata la libera fruizione solo nei corridoi liberi troppo stretti per garantire la sicurezza, compresi tra stabilimenti balneari, che saranno affidati agli stessi per le operazioni di controllo e pulizia. “Molti dei nostri ospiti, tuttavia, adorano fare il bagno anche nella baia urbana” spiega ancora il primo cittadino Cariddi, “che ha sempre colpito tutti per la trasparenza delle sue acque. Potranno continuare a farlo perché sulle banchine in cemento apporremo dei segnaposto fissi per la singola postazione-asciugamano (3 metri per 1,5 metri), saltandone una per ogni nucleo familiare differente. Qui pulizia e controllo per l’intera giornata saranno affidati ai titolari di reddito di cittadinanza.

“Stessa iniziativa, affidando però a terzi pulizia, salvamento e controllo, sarà attuata sulle spiagge libere urbane. Qui stiamo valutando anche l’utilizzo di una app per eventuali prenotazioni e per alternare le presenze”.

Pontili e porto turistico ok

Per la fruizione del mare è di questi giorni la notizia del dissequestro dei pontili da parte della magistratura che ha riconsegnato alla città il porto turistico. “Lo stiamo riattrezzando per essere pronto e funzionale già in settimana nel rispetto delle norme sanitarie” chiarisce il sindaco, “questo, oltre a riattivare numerosi posti di lavoro diretti, a garantire fruizione sicura del mare a tante famiglie senza congestionare le coste, farà ripartire anche servizi turistici importanti per la nostra offerta: diving, gite in barca, affitto barche, nel rispetto delle nuove regole”.

E’ necessario, tuttavia, che tali  iniziative, siano veicolate all’esterno, per invogliare i turisti a raggiungerci, ecco perché l’idea della campagna promozionale “Otranto, Sicuramente”.

Video-spot e cartoline di benvenuto

Sui canali istituzionali del Comune di Otranto, dal sito istituzionale, a facebook, instagram, twitter, youtube, telegram, saranno pubblicati dei video-spot con i contributi di giornalisti e persone dello spettacolo che amano la città, con tante bellissime immagini di luoghi inediti, scorci, vicoli, in grado di raccontare e valorizzare il territorio, soprattutto una Otranto da scoprire, attraverso anche momenti di vissuto personali colti nelle visite o soggiorni nella città dei martiri. Non mancheranno ovviamente anche i luoghi simbolo.

Grazie al contributo di fotografi professionisti e non che, gentilmente e gratuitamente hanno donato i loro scatti, sono state prodotte anche numerose immagini-cartolina che con lo stesso claim “Otranto, Sicuramente” saranno postate, una al giorno, sempre sui canali di comunicazione.

Gli eventi confermati

Per quanto  concerne gli eventi, invece, sono stati riconfermati alcuni format consolidati: Giornalisti del Mediterraneo e Otranto Film Fund Festival, mentre per gli altri sui quali s stava lavorando già dallo scorso anno si stanno valutando le possibilità di svolgimento in funzione delle norme che verranno in questi giorni emanate per quel settore.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tutto, sicuramente, nel rispetto del distanziamento sociale, che potrà essere garantito questa estate negli ampi fossati del castello, dove si potranno organizzare altri eventi culturali e spettacoli. “Questa amministrazione, questa comunità, i nostri operatori, in questo periodo di confinamento in casa, non si sono assolutamente assopiti, ma al contrario hanno da subito ragionato su come ripartire, consapevoli di quanto sia importante, non solo da un punto di vista economico, ma anche sociale, l’ospitalità e l’accoglienza per una città che nel rapporto con gli altri ha trovato da sempre il proprio punto di forza”, conclude il sindaco Cariddi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento