Parco pubblico nell’area dell’Incoronata. Da lunedì i lavori di riqualificazione

A un anno esatto dalla demolizione dell’ex incompiuta a Nardò al via la fase di rigenerazione con il nuovo parco urbano

NARDO’ – Ad un anno esatto dall’abbattimento dello scheletro in cemento armato del “nuovo” (e mai completato) palazzo di città della zona dell’Incoronata si passa alla fase di rigenerazione e alla creazione del nuovo parco urbano di Nardò. Come annunciato da tempo l’amministrazione comunale aveva in animo di sostituire l’eterna incompiuta cittadina con una nuova area a verde, fruibile ed attrezzata a disposizione della comunità. E dopo la messa in sicurezza e i lavori di livellamento e colmatura dell’area interessata dalla demolizione dei mesi scorsi, ora già da lunedì 7 gennaio, o quanto meno nei prossimi giorni si darà avvio ai lavori per la realizzazione del nuovo e atteso parco pubblico. Già a settembre la giunta comunale, guidata dal sindaco Pippi Mellone, aveva dato il via libera al progetto esecutivo dell’urban park dell’Incoronata pronto a prendere il posto dell’ex ecomostro edilizio mai ultimato. Lo stesso primo cittadino nel suo messaggio augurale di buon anno e l’assessore ai Lavori pubblici, Oronzo Capoti, hanno annunciato che “con l’apertura del cantiere dell’urban park si inaugura la lunga agenda 2019 dei lavori pubblici in città con un cronoprogramma di interventi che cambieranno il volto di Nardò”. 

Il progetto del parco è uno degli interventi di rigenerazione urbana più vasti e significativi interesseranno il territorio che sorge nei pressi dell’omonima chiesa dell’Incoronata e porta la firma dell’architetto Elisabetta Ferrocino, del geometra Salvatore Albanese e del geologo Andrea Vitale. Il costo di realizzazione era fissato intorno ai 420 mila euro, risorse già previste nel bilancio comunale, ma grazie al ribasso in sede di gara le opere avranno un costo di circa 274 mila euro.  Prima di approdare in giunta, l’’intervento ha ottenuto i pareri tecnici necessari, tra cui quello dell’Autorità di Bacino. Espletata anche la procedura di gara (appalto assegnato alla Sme Strade srl di Copertino) che consentirà ora, nel volgere di pochi giorni, l’apertura del cantiere.

Area verde, fitness e parco giochi

L’intervento come nelle previsioni progettuali migliorerà l’estetica e la fruibilità degli spazi di tutta l’area intorno alla chiesa dell’Incoronata e di via Montale. Il parco sarà un’area verde caratterizzata principalmente da prato, arbusti verdi di medio ed alto fusto e piante da fiore ornamentali. Sentieri pedonali in materiale ecocompatibile e drenante, ad andamento leggermente sinuoso, disegneranno e individueranno aree con differenti funzioni finalizzate allo svago e alla socializzazione.  Significativa la presenza di una zona verde centrale, individuata dai sentieri, che riprodurrà idealmente la forma spigolosa del vecchio palazzo, divenendo il nucleo della vita del parco. Attorno a questo nucleo ci sarà un’area parcheggio al servizio del parco, con aiuole, illuminazione, rastrelliere per biciclette, posti per auto e ciclomotori, un’area giochi per bambini (con altalene, scivoli, giochi composti e inclusivi, su superficie antitrauma), un’area fitness, un’area per lo street basket, un campo da bocce e un campo di beach volley con pavimento in manto sabbioso.

Un dog park per gli amici a quattro zampe

Nel nuovo area pubblico dell’Incoronata è prevista anche la realizzazione di un dog park, distinto in uno spazio per lo sgambettamento dei cani e in uno per agility dog (disciplina cinofilo-sportiva che vede l’animale affrontare una gara a ostacoli, ispirata al percorso ippico). Infine, non mancherà un’area ristoro. Tutti i materiali annunciato da palazzo Personé sono stati scelti in funzione dei criteri della naturalità, del basso impatto e della gradevolezza estetica.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • settimana

    Misteriosa “rapina” a un corriere, scoperto l’autore: è la stessa vittima

  • Politica

    Poli Bortone minaccia il passo indietro: "Rimpiango il clima del 1998"

  • Cronaca

    Inchiesta Favori&Giustizia, confermati i domiciliari a Narracci

  • Cronaca

    Rogo nel deposito edile: va scemando l'ipotesi di seri danni ambientali

I più letti della settimana

  • Violento incidente sulla strada statale 101: in otto in ospedale

  • Brucia e crolla capannone della ditta edile. Si temono danni per la salute

  • Sesso con il pm per avere vantaggi, l'avvocatessa nega le accuse davanti ai magistrati

  • Vigilante si uccide con una pistola: secondo suicidio simile in poche ore

  • Misteriosa “rapina” a un corriere, scoperto l’autore: è la stessa vittima

  • "Mi cambia i soldi"? Ma gli rapina il portafogli e poi lo trascina con l'auto

Torna su
LeccePrima è in caricamento