Presentato il calendario della polizia: il ricavato destinato ai progetti Unicef

Nel museo Sigismondo Castromediano la manifestazione promossa dalla questura per illustrare l’edizione 2020. Nelle istantanee di Paolo Pellegrin gli agenti impegnati nelle attività operative

La presentazione al museo Castromediano

LECCE - Dodici mesi di passione, impegno  e servizio con il calendario della polizia di stato edizione 2020 presentato anche a Lecce nella manifestazione dedicata che si è svolta nella serata di ieri e promossa dalla questura di Lecce presso il museo provinciale “Sigismondo Castromediano”.

Curato da Paolo Pellegrin, fotografo pluripremiato e membro di Magnum Photos, tra le più importanti agenzie fotografiche internazionali, il calendario racconta l’umanità delle donne e degli uomini della polizia di Stato attraverso istantanee di attività operativa. Immagine dopo immagine, a corredo del datario, viene narrato il delicato ruolo dei poliziotti mettendo in luce gli aspetti interiori dei singoli operatori dando risalto alla passione e allo spirito di servizio che animano ogni singolo intervento. La volontà di essere vicini alle comunità, soprattutto alle fasce più fragili e deboli si rispecchia ancora una volta anche nella rinnovata collaborazione con l’Unicef alla quale dal 2001 sono stati donati, grazie alla vendita dei calendari, oltre 2 milioni e 650 mila euro per i progetti di sostegno all’infanzia.

Quest’anno una parte del ricavato sarà devoluto al progetto per il “Trentesimo anniversario della Convenzione Onu dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”, occasione per riaffermare i diritti degli under 18, e come per la precedente edizione, il comitato italiano per l’Unicef riserverà una quota del ricavato delle vendite del calendario 2020 al Fondo assistenza per il personale della polizia di Stato per finanziare il piano “Marco Valerio”, rivolto ai figli minori dei dipendenti ed ex dipendenti della polizia affetti da gravi patologie croniche.

Nel corso della presentazione, introdotta dal questore Andrea Valentino, è stato trasmesso il video del calendario 2020 realizzato dall’Ufficio relazioni esterne del dipartimento della polizia di Stato e un video-documento dal titolo “La Questura di Lecce si racconta..”, realizzato per raccontare le attività della polizia della provincia di Lecce, attraverso storie vissute dagli agenti in servizio presso le diverse articolazioni della questura. All’incontro hanno partecipato numerose autorità civili e militari, il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini e una rappresentanza di studenti di terza media degli istituti comprensivi di Lecce.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’acquisto del calendario della polizia di Stato è possibile presso il Museo delle auto della polizia che si trova a Roma, via dell’Arcadia 20, e presso gli Uffici relazioni con il pubblico delle questure, previa prenotazione ed un versamento, di 8 euro per l’edizione da parete e di 6 euro per quella da tavolo, sul conto corrente postale numero 745000, intestato a “Comitato Italiano per l’Unicef”, avendo cura di inserire nella causale “Calendario Polizia di Stato 2020 per il progetto Unicef-Trentesimo anniversario della Convenzione Onu dei diritti dell’infanzia e dell’Adolescenza”. Tutti i cittadini potranno acquistarlo anche on-line sul sito www.unicef.it nella sezione “Regali e prodotti”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • "Assalto" all'ipermercato per le offerte pasquali: assembramenti, arrivano i carabinieri

  • Coronavirus, muore 40enne positivo. Stretta su Pasqua e Pasquetta: “Nessuna gita consentita”

  • Epidemia da Covid-19: cinque decessi in provincia di Lecce, 18 nuovi casi

  • Incendiano l’auto di un 33enne: ma le videocamere immortalano la scena

  • Puglia, crescita lenta: nel Salento dieci nuovi casi, tre i decessi

Torna su
LeccePrima è in caricamento