Il presidente rassicura: "Nessuno scontro con il Comune per lo stadio"

Saverio Sticchi Damiani non ha sciolto il nodo della partecipazione al bando, ma ha chiarito che intende alimentare alcuno scontro tra Us Lecce e Palazzo Carafa

L'ingresso della porta numero 1 del Via del Mare.

LECCE – L’Us Lecce non ha intenzione di andare allo scontro con l’amministrazione comunale con la quale, anzi, conta di lavorare in sinergia. Chiamato in causa sul nodo legato allo stadio durante la conferenza per il prolungamento di contratto del direttore sportivo, Mauro Meluso, il presidente Saverio Sticchi Damiani ci ha tenuto a smorzare i toni polemici esplosi sui social contro Palazzo Carafa per la pubblicazione dell’avviso pubblico per la concessione per 30 anni del diritto di superficie del Via del Mare.

Il bando, redatto durante la gestione commissariale, prevede due opzioni: la prima consiste nel versamento di 5,3 milioni di euro, la seconda implica una rata annuale da 328mila euro. “A breve faremo una conferenza nella quale comunicheremo se parteciperemo al bando – ha detto il numero uno del club -. In caso negativo, spiegheremo il perché senza nessun tipo di polemica perché io voglio lavorare bene con questa amministrazione. Lo scontro non gioverebbe a nessuno. Tranquillizzo per l’ennesima volta tutti i tifosi dicendo che noi comunque siamo partiti con lavori molto impegnativi – per questo ho detto prima ahimè – di restyling e non solo dello stadio. Attraverso un rendering vi renderemo conto dell’entità di questi lavori, che sono anche sostanziali”.

Sticchi Damiani, in attesa delle decisioni dei soci e della conferenza non si sbilancia, ma dalle sue parole trapela la traccia di un possibile percorso: “I relativi costi saranno interamente sostenuti dal club. Poi se tramite bando o con accordi successivi se la gara dovesse andare deserta, dovessimo trovare un modo per regolamentare nuovamente i rapporti con l’amministrazione e, se possibile, disciplinare questi importi che abbiamo anticipato, bene, ma noi l’investimento lo facciamo comunque: se troviamo una soluzione logica, e per me con questa amministrazione ci sono tutti i presupposti per trovarla, altrimenti vorrà dire che avremo tolto un pezzettino del budget del progetto sportivo, con buona pace del direttore Meluso, per lo stadio”.

Il termine ultimo per l’adesione al bando è stato fissato al 4 di luglio. Al momento i rapporti tra Us Lecce e Comune sono regolati da una convenzione novennale in scadenza nel 2021.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • Auto acquistate con “Spot&Go”, scatta l’inchiesta: s’indaga per truffa

  • In poche ore due spaventosi incidenti con feriti sulle strade del Salento

  • Perde un anello molto prezioso e lo ritrova lanciando un appello su facebook

  • Si fingeva chef stellato per molestare universitarie: preso 23enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento