Quota 100, pensione opzione donna, le circolari dell'Inps: beneficiari e tempi

Subito dopo l'approvazione del decreto legge del 28 gennaio, l'istituto previdenziale ha chiarito quali sono i requisiti per i vari trattamenti

La direzione provinciale di Lecce.

LECCE – Sono state diramate ieri le due circolari con cui Inps fornisce le istruzioni applicative per l’accesso alla pensiona anticipata, a “quota 100”, alla pensione “opzione donna” e alla pensione per i lavoratori cosiddetti precoci, ma anche in materia di assegni straordinari dei fondi di solidarietà e di prestazioni di accompagnamento alla pensione.

Quota 100

Alla “pensione quota 100”  è possibile accedere al raggiungimento, nel periodo compreso fra il 2019 e il 2021, di un’età anagrafica non inferiore a 62 anni e di un’anzianità contributiva non inferiore a 38 anni, anche cumulando i periodi assicurativi non coincidenti presenti in due o più gestioni fra quelle indicate dalla norma ed amministrate dall’Inps, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorso il periodo previsto per l’apertura della cosiddetta finestra, diversificata in base al datore di lavoro ovvero alla gestione previdenziale a carico della quale è liquidato il trattamento pensionistico.

Pensione anticipata e opzione donna

Alla pensione anticipata è possibile accedere al raggiungimento, nel periodo compreso fra il 2019 e il 2026, di un’anzianità contributiva non inferiore a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi tre mesi dalla maturazione del predetto requisito.

Alla pensione anticipata “opzione donna” è possibile accedere al raggiungimento, entro il 31 dicembre 2018, di un’anzianità contributiva non inferiore a 35 anni e un’età anagrafica non inferiore a 58 anni, se lavoratrici dipendenti, ed a 59 anni, se lavoratrici autonome, con il sistema di calcolo contributivo, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi 12 mesi per le lavoratrici dipendenti e 18 mesi per le lavoratrici autonome dalla maturazione dei prescritti requisiti.

Lavoratori precoci

Alla pensione anticipata per i lavoratori precoci è possibile accedere al raggiungimento, nel periodo compreso fra il 2019 e il 2026, di un’anzianità contributiva non inferiore a 41 anni, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi tre mesi dalla maturazione del prescritto requisito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto legge numero 4 del 2019,  i fondi di solidarietà di cui al decreto legislativo 148 del 2015, al ricorrere delle prescritte condizioni, possono erogare un assegno straordinario per il sostegno del reddito in favore di lavoratori che perfezionino i requisiti previsti per l’accesso alla “pensione quota 100” nel triennio 2019-2021.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento