Quota 100, pensione opzione donna, le circolari dell'Inps: beneficiari e tempi

Subito dopo l'approvazione del decreto legge del 28 gennaio, l'istituto previdenziale ha chiarito quali sono i requisiti per i vari trattamenti

La direzione provinciale di Lecce.

LECCE – Sono state diramate ieri le due circolari con cui Inps fornisce le istruzioni applicative per l’accesso alla pensiona anticipata, a “quota 100”, alla pensione “opzione donna” e alla pensione per i lavoratori cosiddetti precoci, ma anche in materia di assegni straordinari dei fondi di solidarietà e di prestazioni di accompagnamento alla pensione.

Quota 100

Alla “pensione quota 100”  è possibile accedere al raggiungimento, nel periodo compreso fra il 2019 e il 2021, di un’età anagrafica non inferiore a 62 anni e di un’anzianità contributiva non inferiore a 38 anni, anche cumulando i periodi assicurativi non coincidenti presenti in due o più gestioni fra quelle indicate dalla norma ed amministrate dall’Inps, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorso il periodo previsto per l’apertura della cosiddetta finestra, diversificata in base al datore di lavoro ovvero alla gestione previdenziale a carico della quale è liquidato il trattamento pensionistico.

Pensione anticipata e opzione donna

Alla pensione anticipata è possibile accedere al raggiungimento, nel periodo compreso fra il 2019 e il 2026, di un’anzianità contributiva non inferiore a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi tre mesi dalla maturazione del predetto requisito.

Alla pensione anticipata “opzione donna” è possibile accedere al raggiungimento, entro il 31 dicembre 2018, di un’anzianità contributiva non inferiore a 35 anni e un’età anagrafica non inferiore a 58 anni, se lavoratrici dipendenti, ed a 59 anni, se lavoratrici autonome, con il sistema di calcolo contributivo, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi 12 mesi per le lavoratrici dipendenti e 18 mesi per le lavoratrici autonome dalla maturazione dei prescritti requisiti.

Lavoratori precoci

Alla pensione anticipata per i lavoratori precoci è possibile accedere al raggiungimento, nel periodo compreso fra il 2019 e il 2026, di un’anzianità contributiva non inferiore a 41 anni, conseguendo il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi tre mesi dalla maturazione del prescritto requisito.

A decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto legge numero 4 del 2019,  i fondi di solidarietà di cui al decreto legislativo 148 del 2015, al ricorrere delle prescritte condizioni, possono erogare un assegno straordinario per il sostegno del reddito in favore di lavoratori che perfezionino i requisiti previsti per l’accesso alla “pensione quota 100” nel triennio 2019-2021.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Con il gioco e sempre a viso aperto: così il Lecce ha meritato il diritto di sognare

  • Cronaca

    Case in affitto e cane "fantasma", sessanta le vittime ingannate online

  • Cronaca

    Sequestrati tre richiami acustici. Animali allevati in pessime condizioni: una denuncia

  • Cronaca

    Truffa, tornano in libertà i presidenti nazionali di Federaziende ed Ebin

I più letti della settimana

  • Frontale sulla strada del mare: ragazza deceduta, due codici rossi

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Auto sbanda e si ribalta un paio di volte: in due in prognosi riservata

  • Spostato dalla barella, cade cocaina: il ferito indagato per spaccio

  • Il nuovo pentito della Scu: “La mia latitanza anche a Porto Cesareo”

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

Torna su
LeccePrima è in caricamento