"Soumalya ucciso perché nero": il ricordo del 29enne morto ammazzato

Anche a Lecce un'iniziativa in memoria del giovane maliano ucciso da un colpo di fucile in Calabria mentre recuperava lamiere per ricoveri di fortuna

Una foto dell'iniziativa.

LECCE – Un centinaio di persone, tra cui molti richiedenti asilo, hanno risposto all’appello di Arci Lecce in occasione del flash mob per ricordare Sacko Soumalia, il giovane sindacalista originario del Mali ucciso a colpi di fucile nei pressi di una fabbrica dismessa, nel Vibonese, dove stava aiutando due connazionali a raccogliere lamiere per rinforzare le loro baracche. 

Poco distante infatti sorge la tendopoli di San Ferdinando dove vivono i migranti impiegati nei campi della piana di Gioia Tauro. Un piccolo grande inferno che risorge ogni volta dalla sue ceneri nonostante buoni propositi e annunci di sistemazioni più dignitose per i ragazzi in cerca di un lavoro che rende loro pochi euro al giorno. 

Sacko era un sindacalista di base me la indagini dei carabinieri tendono a escludere un qualche movente politico e si orientano verso la criminalità organizzata che avrebbe voluto ribadire il suo totale controllo del territorio nei confronti di essere umani considerati alla stregua delle bestie, come dimostrano sovente le condizioni lavorative cui sono soggetti. 

Per Arci Lecce l’omicidio del 29enne si incardina però in un contesto di crescente xenofobia come dimostrano che i richiami alla sicurezza e alla legittima difesa che sono stati spesi nella campagna elettorale e che  possono scatenare conseguenze ingestibili: “L'eterna campagna elettorale xenofoba italiana, la diffusione di un clima di rancore e odio possono trovare subito una applicazione pratica, creando in un miscuglio esplosivo di razzismo popolare”.

Nel capoluogo leccese l’iniziativa è partita da Porta Napoli e si è conclusa davanti alla prefettura, passando per piazza Sant’Oronzo. Per i manifestanti il pregiudizio razziale è evidente come testimoniano gli slogan impressi su striscioni di fortuna: "Contro ogni discriminazione", "Scusate se non siamo affogati", "Sacko Soumaila, ucciso perché nero", "In Italia si muore anche di razzismo".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • STRUMENTALIZZAZIONE. Come volevasi dimostrare il colore della pelle non c'entra nulla. È stato ucciso perché stava rubando.

  • Strumentalizzazione!

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Centrodestra, corsa per le primarie. Cavallari e De Cristofaro i garanti

  • Politica

    La ripartenza di Salvemini: “È necessario insistere per il cambiamento”

  • Cronaca

    Farmaci e dispositivi medici scaduti, scatta il sequestro del Nas al "Fazzi"

  • Cronaca

    Giovane straniero blocca e disarma il rapinatore in fuga dal supermercato

I più letti della settimana

  • Esce fuori strada e l’auto si ribalta: perde la vita a soli 19 anni

  • Si schianta mentre fa enduro nella pineta, muore un motociclista

  • Droga e armi, 27 arresti: dall'Albania tramite il Salento ramificazioni in tutta Italia

  • Notte di paura: ordigno sotto l'auto di una coppia che gestisce un bar

  • Paletta, ma non sono agenti: rapinato in strada della sua Bmw

  • Accerchiato, pestato e colpito con un coltello all'esterno della discoteca

Torna su
LeccePrima è in caricamento