A rischio la tenuta degli archi: nell'Anfiteatro romano iniziato il restauro

Dopo il puntellamento, a settembre, partiti i lavori di consolidamento con procedura di somma urgenza. Durata prevista dell'intervento, 120 giorni

Alcuni fornici puntellati.

LECCE – Sono iniziati oggi i lavori urgenti per il restauro di alcuni archi dell’Anfiteatro romano di Lecce che già a settembre erano stati messi in sicurezza con il puntellamento tramite impalcature in legno.

Lo ha comunicato la Direzione Regionale Musei Puglia, che ha competenza sull’importante sito di piazza Sant’Oronzo. L’intervento, condotto insieme alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi, Lecce e Taranto, è stato varato con la procedura di somma urgenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per varie cause, infatti, tra le quali precedenti interventi di consolidamento fatti con metodologie oramai superate, si sono progressivamente aggravati i fenomeni di degrado su giunti ed elementi lapidei, tanto da far temere per la tenuta strutturale dei fornici. Le opere di restauro dovrebbero terminare in quattro mesi. L’Anfiteatro Romano di Lecce fu costruito tra il I e il II secolo dopo Cristo per volontà dell’imperatore Augusto e poteva ospitare fino a 25mila spettatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento