Salvini è il Dio del mare e l’estro di Leonardo. Re Carnevale sfila sul corso e fa riflettere

In porto la prima sfilata della 78esima edizione del Carnevale di Gallipoli tra goliardia, gag e omaggi al Belpaese. Si replica il 3 marzo sempre sul Corso Roma e con il festival in piazza

La sfilata a Gallipoli

GALLIPOLI – L’omaggio ironico e grottesco all’Italia e alle sue peculiarità sfila tra colori, musica e coriandoli sul centralissimo corso Roma di Gallipoli incurante del vento del nord che sferza sulla dorsale ionica. Sfidando freddo e incertezze la 78esima edizione del carnevale di Gallipoli ha aperto le sue danze con la prima sfilata di gruppi mascherati e creazioni di cartapesta della rinnovata edizione 2019 intitolata “Italia…‘bbella mia” che segue un cartellone di eventi nel rispetto della tradizione gallipolina, firmato dalla direzione artistica di Alberto Greco e organizzato dal Comune. Si replicherà domenica prossima quando, dopo la sfilata, si ballerà in piazza con il Festival Bar Italia e con  la musica di Vanny dj, prima della chiusura del martedì grasso, il 5 marzo, con la parata dei gruppi nel centro storico.

Buona la prima comunque per la nuova edizione “d’emergenza” del carnevale gallipolino, dove organizzatori e direzione artistica, uffici comunali, e le giovani e volenterose maestranze, in meno di un mese di lavoro, hanno garantito lo svolgimento della kermesse anche per questa edizione. L’assenza sontuosa dei grandi carri allegorici è stata sopperita dall’estro e dall’ingegno di chi si è messo in gioco ed ha profuso allegria e divertimento facendo di necessità un’apprezzabile virtù. Il paragone con il passato, più o meno recente, non può reggere e nemmeno può prefigurarsi. L’esserci e sfilare ancora una volta è già un risultato da apprezzare da parte di tutta la comunità gallipolina e non. E allora spazio alla sfilata, anticipata alla 14,30, per goderne del favore della luce e contrastare le folate gelide della tramontana.

E’ stato il trionfo del tricolore e dell’omaggio all'Italia e alla sua magica livrea capace di incantare il mondo, ma a volte di arrovellarsi nelle pieghe delle sue poliedriche contraddizioni. E così si è  aperta la prima sfilata con il taglio del nastro, ovviamente tricolore, con il sindaco Stefano Minerva e il presidente del consiglio comunale, Rosario Solidoro, e la "Stamu Street Band ", la band di strada dell’associazione musicale Filarmonica città di Gallipoli, e la stravagante signora Vata con la figlia ‘Ttina in un outfit alquanto discutibile, ma sicuramente in linea con l'evento.

La manifestazione è stata allietata proprio dal personaggio gallipolino di Vata Barba che si è atteggiata a regina d’Italia e che, insieme alla figlia ‘Ttina, hanno gestito un gruppo mascherato denominato “Italia che pizza, Ttina gurmè". Esilarante anche la gag amorosa, nei pressi del palco, tra la regina italica e il primo cittadino in tono ovviamente, e decisamente, goliardico. E poi spazio alle espressioni artistiche dei giovani maestri cartapestai con  il contributo di numerose associazioni e realtà del territorio, tra cui Fideliter Excubat e Off Limits, con il suppporto di due artisti emergenti quali Mikeal&Co’, e alle foto di Skakkomatto Miglietta.  

Sui piccoli carri allegorici ecco trionfare l'arte e la follia di Leonardo da Vinci, dove un posto d’onore trova la Monnalisa, e l’omaggio al Belpaese in tutte le salse: da Pulcinella che mangia la classica pizza napoletana, agli spaghetti e al mandolino, passando per la tradizione dell’Italia terra di santi, poeti e navigatori dove anche Alice si ritrova a tema nel più classico paese delle meraviglie. E ancora la rappresentazione del mare e delle sue vicende legate anche ai migranti, dove un Poseidone con il volto del ministro Salvini, con il suo tridente, domina le onde perigliose e fa riflettere tra paperelle e nave di carta che richiamano la vicenda della “Diciotti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quattordici i gruppi mascherati principali in gara non solo rivenienti dalla città di Gallipoli, ma anche del circondario e paesi limitrofi, da Melissano a Casarano, Alezio, Aradeo, Neviano, Galatone, Cavallino. Coinvolte inoltre le scuole di ballo e danza. La sfilata bis, tra coriandoli e colori, è prevista per il 3 marzo prossimo. Ad assicurare il servizio d’ordine il centro operativo comunale con la protezione civile e tutte le componenti delle forze dell’ordine e il personale sanitario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento