Alla vista degli agenti, si “rifugia” in mare con la bici: multa al ciclista nuotatore

Il 57enne di Surbo, sorpreso nella mattinata di domenica sul litorale di Vernole, è stato identificato: pagherà una multa di 400 euro, prevista dal Decreto

Il ciclista sanzionato in mare.

LE CESINE (Vernole) – Il video della sua biciletta nelle acque dell’Adriatico, nella giornata di domencia, è divenuto ormai "virale". E si è diffuso più velocemente dello stesso Coronavirus che ci sta costringendo fra quattro mura. Ma nella mattinata di oggi, per il ciclista trasgressore, è scattata inevitabilmente la sanzione da 400 euro, come previsto dal Decreto numero 19 dello scorso 25 marzo: non si sarebbe dovuto allontanare da casa, men che mai per praticare dello sport all’aria aperta.

E, invece, un 57enne di Surbo è divenuto “celebre” per la sua trovata. Dopo aver raggiunto il tratto di litorale nel territorio di Vernole, tra l’oasi Le Cesine e San Foca, l’uomo si è ritrovato davanti una pattuglia della polizia provinciale, in giro per degli ordinari controlli. Ha imbracciato il suo mezzo a due ruote e ha raggiunto la spiaggia, sperando di farla franca. Ritrovandosi gli agenti alle spalle però, che intanto lo avevano seguito fin sulla sabbia, ha pensato bene di cercare rifugio direttamente in mare.  Sì, proprio in acqua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il video: la polizia lo invita a uscire dall'acqua

Sfidando le temperature di marzo, si è immerso assieme alla sua bici e con gli abiti chiaramente ancora addosso. Gli agenti lo hanno convito a uscire, per identificarlo, ma soprattutto nel timore che potesse accadergli qualcosa. Era turbato e ha immediatamente offerto le sue scuse al personale della polizia provinciale.  Recuperato il suo recapito telefonico e l’indirizzo di residenza, i poliziotti lo hanno raggiunto in mattinata per notificargli la sanzione. Al momento scattata in una delle vicende più bizzarre dagli esordi dei controlli mirati al rispetto del decreto anti diffusione dell'epidemia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Intervento di riduzione dello stomaco, muore in casa dopo un malore

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Tenta rapina nel market, ma il cassiere reagisce. Arrestato dopo la fuga

Torna su
LeccePrima è in caricamento