La strategia pugliese funziona: un caso di Covid su due trovato con lo screening

Il 49 percento delle positività è emerso, finora, con indagini mirate su categorie sensibili, in ospedali e strutture assistenziali. Secondo i dati diffusi dal ministero, la linea scelta produce risultati

LECCE - Dell'utilità dei dati sull'epidemia di Covid-19 si è detto e scritto molto: i ritardi nella raccolta dovuti alle differenti modalità organizzative nelle regioni registrati nella prima fase quando il sistema sanitario è stato investito frontalmente dall'ondata soprattutto al Centro Nord, hanno indotto parte dell'opinione pubblica, ma anche una frangia di addetti ai lavori, a guardare con sempre maggiore diffidenza, fino all'indifferenza, la pubblicazione dei report giornalieri. 

I numeri, tuttavia, anche quando non servono la "pappa pronta", dicono sempre qualcosa di importante a volerli interpretare, al netto di quanto pensino improvvisati esperti e tuttologi. Così, il miglioramento del sistema di raccolta, con procedure sempre più uniformi, permette ora di valutare con maggiore chiarezza il quadro della situazione.

Con i nuovi dati pubblicati dal ministero della Salute e dalla Protezione Civile, emerge subito una indicazione: la Puglia è tra le realtà del Paese con un sistema di screening tra i più precisi. Di 4531 infezioni confermate nella regione, infatti, ben 2.223 sono emerse non da sospetti clinici seguiti da tampone, ma dalla ricerca che è stata fatta con test (sierologici) e indagini pianificate su target considerati particolarmente sensibili, come ospedali e strutture sanitarie. I numeri, insomma, danno ragione al professor Pier Luigi Lopalco, coordinatore epidemiologico, dal primo momento convinto sostenitore del fatto che la ricerca dei casi . con tamponi o test - dovesse essere mirata, commisurata alle risorse disponibili, e non a tappeto.

In valore assoluto solo Lombardia (4.867) e Piemonte (3.618) hanno dati relativi allo screening più alti, ma si tratta di regioni dove il Covid-19 ha colpito duramente e i casi - 93.587 e 31.311 aggiornati a ieri - sono quasi tutti emersi con tamponi fatti a persone con sintomi evidenti. Anche per Veneto ed Emilia Romagna vale lo stesso discorso. Certamente aiutata dal fatto di essere stata solo scalfita dall'ondata epidemica, la Puglia si è potuta organizzare: in questo modo dallo screening è venuto fuori il 49 percento dei casi confermati. La regione con la percentuale più simile è il Lazio, con il 26 percento dei casi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

datiaggiornati-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

Torna su
LeccePrima è in caricamento