“Tutti in piazza per gli ulivi”: in centinaia contro le eradicazioni degli alberi

Diversi comitati, tra i quali Il Popolo degli ulivi e i No Tap hanno organizzato un sit-in informativo, in Piazza Sant’Oronzo, per ribadire la propria posizione

Un momento della manifestazione.

LECCE – “I cittadini stiano ben attenti: l’intenzione è quella di  fare fuori gli olivi autoctoni del territorio salentino, per andare a reimpiantare due varietà che, come si legge in un paragrafo della determina regionale dell’aprile del 2018, non andrebbero comunque a garantire tenuta nel tempo, né produttività”. È una delle numerose raccomandazioni che il Popolo degli ulivi ha lanciato alla comunità dal primo pomeriggio di oggi. Un sit-in informativo è stato infatti organizzato in città, nel cuore storico, dal titolo “Tutti in piazza per gli ulivi”.

Il video: Gli interventi di due portavoce dei comitati presenti

La manifestazione, che si è svolta dalle 15 fino alle 19, ha visto la partecipazione di oltre 400 cittadini. Al fianco de “Il popolo degli ulivi”, anche il comitato “No Tap” del Tacco e quello di Brindisi, diverse associazioni ambientaliste del territorio e i Verdi di Taranto.  A prendere la parola, oltre al portavoce del gruppo, Crocifisso Aloisi, anche docenti universitari, tra i quali Nicola Grasso e Michele Carducci (assente, ma sostenitore dell'iniziativa), Ivano Gioffreda, promotore di una delle cure naturali, sperimentate positivamente su alcuni alberi colpiti dal complesso del disseccamento rapido.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Popolo degli ulivi, appena alcuni giorni addietro, ha divulgato un elenco di “contromisure” rispetto a quelle governative, con il quale si avanzano 13 proposte concrete. Tra i vari punti programmatici, una sorta di censimento di tutti i tagli effettuati fino ad ora, perché in futuro, non ci si debba poi ritrovare davanti a speculazioni edilizie. E non solo. Nel vademecum ideale divulgato dal Popolo degli ulivi, anche il divieto di utilizzo di fitofarmaci in agricoltura, la fine della quarantena e della cosiddetta black list nella quale sono presenti circa 500 piante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Giovane leccese aggredisce a pugni e manda in ospedale militare barese

  • Non solo Covid, pronto soccorso preso d’assalto. Medici e infermieri stremati

  • Torna l’allerta meteo nel Salento: per 24 ore attesi temporali e grandinate

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento