Trasporto eccezionale nella notte: a San Basilio la talpa meccanica per il gasdotto Tap

Un convoglio speciale e un vasto dispiegamento di forze dell'ordine per evitare proteste lungo il percorso. L'ordinanza del prefetto di Lecce trasmessa agli enti interessati solo in tarda serata

Un pezzo della talpa nel cantiere.

MELENDUGNO - Il "mostro" è arrivato, trasportato nottetempo fino al cantiere di San Basilio con un convoglio speciale scortato dalle forze dell'ordine attraverso un percorso "bonificato" da qualsiasi presenza esterna. Un'ordinanza prefettizia notificata in tarda serata via posta certificata a Provincia di Lecce e ai Comuni di Melendugno e Vernole ha disposto tutte le limitazioni del caso. 

La talpa meccanica necessaria per scavare il tunnel dal pozzo di spinta del cantiere fino al punto di uscita in mare è sfilata, divisa in sei sezioni tanto è pesante (più tre mezzi carichi di componenti), davanti all'unico gruppetto di attivisti che si oppongono alla realizzazione del gasdotto che è riuscito a mobilitarsi dopo aver notato la considerevole presenza di pattuglie in alcuni punti dei tratti stradali solitamente interessati. 

I mezzi erano arrivati nel Salento già ieri, probabilmente utilizzando nel tratto pugliese strade secondarie, e questa notte si sono rimessi in movimento partendo da un deposito di Surbo. Secondo Tap queste cautele sono state giustificate dalla neccessità di non ostacolare il normale traffico veicolare, ma è di tutta evidenza che la priorità è stata quella di non dare troppo nell'occhio anche perché la stessa ordinanza prefettizia dà come acquisita la contrarierà delle comunità locali riunite nel Movimento No Tap.

Il sindaco di Melendugno, Marco Potì, si è fatto portavoce del messaggio diffuso dagli attivisti: "’C'è un tranquillo paese militarizzato, bloccato e offeso. Invece dall’altra parte c’è lo Stato italiano che difende un’opera e un’azienda privata su cui ci sono indagini in corso da parte della magistratura penale per possibili violazioni di legge. Non si può comprendere e tollerare una sospensione della libertà di circolazione e della costituzione in questa parte di Italia. Il Salento e Melendugno hanno una dignità".

L'ordinanza "flash", i cui effetti si sono esauriti alle 5 di stamattina coprendo dunque un arco di sei ore, fa riferimento alla riunione che si è svolta in prefettura lunedì scorso nella quale Tap Italia ha comunicato la necessità di procedere al trasporto eccezionale "al fine di garantire il completamento delle ulteriori operazioni previste prima della pausa estiva del 2019, e quindi la messa in esercizio entro il gennaio del 2020, evitando la scadenza delle autorizzazioni".

Nel pomeriggio, alle 18, il Movimento No Tap si è dato appuntamento nei pressi del cantiere di San Basilio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (20)

  • A leggere certi commenti non mi meraviglia che abbiano scelto il salento per far passare un opera inutile che serve solo a trump.. a noi come salento non entrerà nulla, se non un impianto di decompressione che immetterà nell aria ossido di carbonio.. e sfido chiunque a dimostrarmi il contrario

    • La scienza può dimostrarti il contrario, visto che la combustione del metano, non genera ossido di carbonio. A leggere certi commenti, non mi meraviglia che i NO TAP, stiano protestando senza cognizione di causa.

      • La reazione di combustione del metano (CH4) è la seguente: CH4 + 2 O2 -> CO2 + 2 H2O Questo vuol dire che per ogni molecola di metano viene creata una molecola di biossido di carbonio, la comune anidride carbonica. Franco ha ragione, anche se con un minimo errore, nel dire che la combustione del metano crei ossido di carbonio

        • Piccola messa a punto (senza polemiche): l'ossido di carbonio (monossido) CO è altamente tossico. L'anidride carbonica (o biossido di carbonio) CO2 è la stessa che producono le piante. Il CO2 è comunque un "gas - serra".

        • Si, ma nella sua testa (come in quella di tutti i NO TAP), la CO2 di TAP è diversa dalla CO2 delle loro auto, dei loro caminetti, dei loro fornelli, delle loro caldaie.

  • Naturale sbocco del TAP doveva essere Brindisi dove cmq arrivera via Terra dopo aver devastato un Sacco di territorio. Cosa importa cio che vale Sara' il guadagno x ogni m3 Di gas per km di utilizzo del tubo interrato. .....vergognoso

  • Il paese "tranquillo", caro sindaco, avrebbe dovuto essere militarizzato ai bei tempi della selvaggia speculazione edilizia abusiva avvenuta per decenni sotto gli occhi pavidi e vili delle amministrazioni che si sono succedute interessate solo al mercimonio dei voti. Un po' di pudore per favore.

  • Un giorno si scriverà la storia della follia e dell'incapacità politica e amministrativa pugliese e salentina. Un pugno di amministratori arruffapopoli, una schiera di politici timorosi di perdere quattro voti, un tessuto di associazioni e "società civile" incapaci di capire che un'opera del genere, figlia di un mega accordo internazionale, si sarebbe fatta. Invece di blocchi, manifestazioni, ricorsi (persi), quanto non sarebbe stata più utile una seria contrattazione su approdi, ripristini ambientali, garanzie di sicurezza, occupazione e vantaggi territoriali. Invece... sprezzo per la mediazione, no a tutto... adesso l'opera è in via di realizzazione e il comune di Melendugno non ha alcuna voce in capitolo. Che disastro (ma le colpe stanno dentro, non fuori).

  • Beh chi non conosce la tecnologia e non ha la più pallida idea di come saranno eseguiti i lavori definisce "mostro" una macchina all'avanguardia. Che permetterà al tubo di attraversare pineta, spiaggia e mare senza eseguire nessuno scavo a cielo aperto, nel pieno rispetto dell’ambiente. Se poi dobbiamo ancora sentire ripetere di un paese tranquillo (non Tanto) e militarizzato , questa è tutta colpa di chi si oppone a TAP. Son bravi a parlare di militarizzazione, ma non dicono quello che hanno combinato per cui il Prefetto è stato costretto ad inviare i militari. Pochi oppositori che nel corso del tempo, con diversi atti di sabotaggio, hanno cercato di danneggiare il cantiere, ed anche l’incolumità di operai e tecnici che lavorano per eseguire l'opera legittimamente autorizzata e sottoposta a VIA. Anche attacchi ai militari disposti dalla prefettura per evitare situazioni pericolose. Da tener presente che anche qualcuno delle Forze dell’Ordine è finito in ospedale. Tutto questo è opera e merito dei 4 oppositori sobillati da qualche capopopolo. Strano concetto che hanno i NO TAP, lo Stato non difende l’opera e l’azienda privata in se stessa, lo Stato fa rispettare le leggi e evita che qualcuno si possa far male a causa di 4 oppositorei.. Non siate ipocriti un convoglio del genere che si configura un trasporto eccezionale chiaramente lo si fa circolare durante le ore in cui il traffico e quasi nullo e perché no; anche per evitare ulteriori conflitti tra FF.OO e facinorosi. I responsabili delle Marine di Melendugno, le quali non sono un esempio di urbanizzazione e servizi a parte il mare avuto in dono dalla natura, inizino a pensare di sedersi ad un tavolo e trattare sulle ”royalties”. Da utilizzare per la sistemazione della costa franante ecc… ecc..

  • Beh ha fatto bene il prefetto ad informare all'ultimo momento. Forse non si fidava dei suoi interlocutori locale. Probabilmente a pensato di far dormire tranquilli i quattro No Tap.

  • Perché il "mostro"? E' una macchina all'avanguardia in tecnologia che, tra l'altro, consentirà,al tubo del gasdotto,di raggiungere la zona da San Basilio senza effettuare scavi in terra, sulla spiaggia e in mare, cioè senza invadere nulla o essere visto e forse anche senza alcun rumore, isto che lavorerà a circa 15 metri sotto terra. Perché lo indichiamo come "mostro" quando ancora non lo abbiamo visto operare?

  • In un anno sono stati impegnati circa 37000 agenti fra polizia Carabinieri e Guardia di Finanza per la sicurezza dei Cantieri tap il numero dei poliziotti usati sono di gran lunga inferiori a quelli usati per i Pacifici tifosi del calcio

    • Beh il solito paragone tra le patate ed i cavoli. Comunque mi dice dove ha trovato il dato di 37 mila agenti vado ad informarmi anche io.Sa quanti sono 37 mila sono molto di più di un paese come Gallipoli e Galatina. Ma prima di scrivere almeno un pò di informazione. Poi dopo gli ultimi avvenimenti del calcio non direi che i tifosi sono proprio dei personaggi pacifici. Beh obietterà alcuni sono scalmanati....

  • Quel tratto di costa tra l'altro privo degli elementi base per considerarli civili(manca fogna,acqua potabile,parcheggi,illuminazione pubblica ecc.ecc.è stato solo appannaggio e sfruttato da quattro lidi.Si è persa l'occasione per rendere più civile più decorosa una zona che prima dell'evento tap era abbandonata all'incuria.A questo punto visto che la tap si farà oltre al controllo della sicurezza dell'opera al 100/100 l'amministrazione comunale di Melendugno dovrebbe trattare un sostanziale ritorno economico da spendere su quel tratto di costa,considerando il fatto che tutti i Comuni hanno le casse vuote.Mettete in campo la partecipazione e contrattare per il bene di tutti.

    • Se i nostri politici fossero stati intelligenti e lungimiranti, forse avrebbero sfruttato l'occasione per far rinascere quello schifo di marina che si ritrovavo, facendo garantire da TAP, tutti quei servizi e lavori che mai si faranno, come acquedotto, fogne, strade, piste ciclabile, lungomare, zone verdi, fibra ottica, illuminazione a led.... Tutti lavori che TAP avrebbe fatto tranquillamente. Capirai cosa vuoi che siano 50.000.000 di euro per loro. Il progetto TAP è stato decido approvato ed autorizzato nel 2015. Peccato, si poteva cogliere questa bella occasione...

    • Esatto!!! Bisogna aggiungere che se la cittadina di Melendugno e le sue frazioni (Roca, San Foca, Torre dell'Orso e San Basilio), sono state militarizzate, come dichiarato nell'articolo, la colpa non è della TAP, ma di tutti quei manifestanti e contestatori che hanno attaccato le Aziende operanti in loco, nonché, le Forze dell'Ordine, lanciando pietre, bloccando strade, abbattendo muri a secco e "pagghiare" e sporcando muri, case ed esercizi con vernici indelebili. Ognuno si assuma le proprie colpe in questa faccenda, senza cercare di capovolgere e ribaltare le verità.

      • Giusto

  • Come si fa ad essere civili , caro direttore, a fronte di uno stato di polizia in cui viene limitata la libertà di espressione e di protesta, dove vengono calpestate le più elementari forme di democrazia, in cui questo enorme mostro deve passare per il mio oliveto...altro che insulti, la fortuna di TAP Italia e che non siamo come i francesi perchè contro questa violenza si sarebbe scatenata una guerra civile. ma noi siamo italiani, siamo contro la violenza, siamo pacifisti, accogliamo gente straniera da sempre e soprattutto abbiamo paura di sovvertire lo stato precostituito. Purtroppo parolacce non si possono dire, ma una cosa io voglio dire...spero che durante i lavori accada un incidente di quelli da ricordare specie con il coinvolgimento di qualche dirigente TAP. Buon Anno

  • Dopo una prima sospensione dei commenti, abbiamo deciso di ripristinare la possibilità di esprimere opinioni in calce a questo articolo, ma, a scanso di equivoci, diciamo che non saranno accettate affermazioni volgari, insulti personali tra commentatori (di cui peraltro agli altri lettori non interessa nulla), insinuazioni di vario tipo tendenti alla diffamazione. Di solito usiamo "maglie larghe" nei filtri, ma questa fiducia viene spesso tradita. Per cui chiunque non abbia critiche civili, per quanto forti, o opinioni a favore, purché argomentate, può tranquillamente astenersi dal commentare perché tanto saremo molto rigidi nel controllo dovendo anche occuparci di fare, come ogni giorno, il giornale.

Notizie di oggi

  • settimana

    L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Cronaca

    Morte sospetta di un detenuto salentino in Calabria: parte l’inchiesta. Due indagati

  • settimana

    A Lecce il numero uno della Tutela ambiente: riflettori su smaltimento dei pannelli e infiltrazioni mafiose

  • Cronaca

    Morte di Ivan Ciullo, nuova svolta. La procura riapre il caso per la terza volta

I più letti della settimana

  • Muore dopo aver messo al mondo il bimbo, aperta inchiesta per omicidio colposo

  • Li fanno accostare per un controllo e spuntano oltre 2 chili di marijuana

  • L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Ricerche lampo dopo la rapina nel discount: presi durante l’inseguimento

  • Trenta bombe a mano sulla spiaggia: scoperta casuale dopo la mareggiata

  • Strada 275, colpo di sonno e finisce contro un furgone: in tre in ospedale

Torna su
LeccePrima è in caricamento