Primavera e benessere, come tornare in forma in vista dell'estate. I migliori posti per fare jogging a Lecce

La primavera è appena iniziata e cresce la voglia di muoversi all'aria aperta. La corsa è lo sport più amato che permette di raggiungere in breve tempo la forma ideale.

Il footing ha qualità straordinarie e regala benessere fisico e psicologico. La parola benessere è legata a doppio filo con il footing o jogging (letteralmente significa procedere a balzi). Questa tipologia di corsetta risulta essere un vero e proprio antidoto contro lo stress quotidiano; la camminata veloce o anche una corsa blanda amatoriale, incide positivamente sul fisico e sulla mente. 

Il Salento e Lecce hanno una naturale predisposizione ad ospitare chiunque voglia cimentarsi in questa pratica quotidiana, alla portata di tutti. Sebbene il footing si possa praticare nei posti più disparati, cercheremo di elencare alcuni siti particolarmente percorsi. 

Nel capoluogo salentino si può contare sul Campo Scuola Santa Rosa Coni, sito in via Giammatteo, a Lecce, dove anche chi pratica l'agonismo in ambito podistico, si può allenare. La struttura è immersa nel verde e può ospitare sia i dilettanti e sia i professionisti che possono praticare la centrale pista di atletica.

Accanto a questa struttura, la corsa si può praticare presso il parco naturale delle Cesine, riserva del Wwf, limitrofa alla marina leccese di San Cataldo. Qui, la riserva naturale offre la totale tranquillità, poiché, non possono transitarvi le auto o i ciclomotori per disposizione dell'autorità pubblica. Inoltre, il contatto diretto con la natura e con tante specie di piante, favorisce l'ossigenazione che per lo sportivo è un toccasana.

Stesso "schema" vale per la riserva naturale di Rauccio, limitrofa alla marina di Torre Chianca e Spiaggiabella. E' ovvio che tra i percorsi consigliati, per chi voglia sperimentarsi sulla sabbia, vi sono gli spazi delle marine, in prossimità degli arenili: qui il percorso è più impegnativo, ma, correre a pochi centimetri dal mare ha la sua valenza.

In Provincia, poi, non bisogna dimenticare il tragitto di Baia Verde a Gallipoli, l'area di Torre Lapillo e la zona del Bosco di Tricase e di Marina Serra. Molto utilizzato dalle compagini sportive di calcio, basket e pallavolo (anche professionistiche), il percorso naturalistico, nella riserva protetta, di Porto Selvaggio, presso la marina di Nardò, dove, le salite e le discese delle strade interne favoriscono l'allenamento intenso.

Stesso discorso vale per la zona di Porto Badisco, sull'altro versante, questa volta adriatico, dove la zona nel suo insieme si presta alla prassi del footing.

In un territorio così vasto, come quello della provincia di Lecce, sono tanti i siti, tra natura e cultura che si possono praticare per far "allenare" cuore e polmoni. 

I pantaloni da corsa primaverili più trendy online

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel mondo della movida: cameriere muore in un incidente, era il portiere dell’Avetrana

  • Rapinatori irrompono in casa, un figlio reagisce: martellata sulla testa

  • Concluso il trapianto sulla piccola Giorgia: è durato oltre dieci ore

  • Furto di energia, truffa e fuoco agli scarti di potatura: arresto e 14 denunce

  • Bimbo si affaccia alla finestra e scopre l'anziano scomparso

  • Donna scompare nel nulla: prefettura avvia le ricerche, ritrovata dopo ore

Torna su
LeccePrima è in caricamento