Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Blitz nelle cucine asili comunali: alimenti avariati

Controlli da parte dei carabinieri alle cucine delle scuole materne comunali di Nardò. Riscontrate svariate carenze igienico sanitarie. Sequestrate anche 150 uova in cattivo stato di conservazione
Torna a Blitz nelle cucine asili comunali: alimenti avariati

Commenti (4)

  • Non solo le autorità preposte (personale della scuola, dietiste, autorità sanitarie, amministratori pubblici, organi di polizia, aziende regionali di protezione ambientale) ma anche i genitori hanno il diritto di pretendere che gli alimenti somministrati ai bambini presso le mense scolastiche rispondano, per qualità e per quantità, a TUTTI i requisiti richiesti per i prodotti destinati al consumo umano ed in particolare a bambini in tenerà età. Credo, però, che i più elementari principi di correttezza impongono di ottenere - prima ancora di pronunciare qualsiasi giudizio di merito gli esiti degli accertamenti in corso e gli eventuali provvedimenti dell'autorità giudiziaria. Amplificare una notizia risponde, sì, ad esigenze di carattere giornalistico, ma non è senza conseguenze per un'azienda che si è sempre distinta, nel corso degl anni e per milioni di pasti erogati, per un senso di scrupolo quasi maniacale, che a Nardò, come in altre realtà scolastiche, ha sempre saputo meritare pieno ed incondizionato aprrezzamento sia da parte delle famiglie sia da parte degli insegnanti. Anche quest ultimi, infatti, persone adulte e dotate di intelligenza e di sensibilità, consumano gli stessi prodotti che vengono preparati per i bambini. Ancora ua volta, quindi, va detto che - in questa come in altre situazioni consimili - un pò più di prudenza non fa male a nessuno e non crea inutili allarmismi ; al contrario, giova a tutti (utenti, famiglie, fornitori) nella fase di ricerca della verità.

  • mio figlio và alla scuola materna a Maglie, il pagamento della mensa è € 1.80. Adesso a voi le conclusioni. Saluti

  • Avatar anonimo di Roberto Xx
    Roberto Xx

    Non basta che per poter usufruire della mensa quest'anno abbiamo dovuto aspettare fino a marzo/aprile, con tanto di aumento sulle tariffe per i buoni pasto dei bambini, e poi dopo tutto questo dobbiamo pure sentire che ai nostri figli gli danno da mangiare cibo AVARIATO. Il COMUNE ora deve essere il primo a prendere dei PROVVEDIMENTI con questa Ditta appaltatrice. Comunque da parte mia e meglio se gli tolgono l' INCARICO che il comune gli ha dato.

  • Dovrebbero fare controlli a sorpresa a tutte le scuole materne ed asili nido perchè le ditte appaltatrice per la mensa ci speculano di brutto e cambiano a loro piacimento il menu' dettato dalle asl

Torna su
LeccePrima è in caricamento