Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Cantiere della litoranea, arriva lo stop per la pausa estiva. Lavori a ottobre

E' stata anticipata la sospensione della prima fase delle opere di riqualificazione dalla seconda entrata della Baia Verde
Torna a Cantiere della litoranea, arriva lo stop per la pausa estiva. Lavori a ottobre

Commenti (35)

  • Nell’articolo redatto il 9 maggio si legge: “ Non vogliamo credere che i lavori si siano fermati solo perché influenti personaggi proprietari di stabilimenti balneari che, stando ad alcune voci, avrebbero finanziato la campagna elettorale di alcuni componenti della maggioranza, abbiano fatto pressioni al sindaco.“ Per dovere di informazione : “ Il 16 maggio 2017 tra il Sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva e le associazioni “C.N.A. Balneatori Puglia” nella persona del Presidente Salvatore Di Mattina e “Federbalneari Salento”, nella persona del Presidente Mauro Della Valle, viene sottoscritto il verbale “ : https://tinyurl.com/mj26v69

  • A Gallipoli comandano i balneari, mettetevi l'anima in pace. L'unica cosa buona è che grazie all'erosione tempo 10-15 anni rimarranno senza lavoro.

    • Che manica di capre!!! Forse è proprio per gente come voi che questa nazione è rimasta al dopoguerra. Secondo la vostra intelligenza, in un'arteria dove in tre mesi circolano milioni di macchine e persone, i lavori sarebbero dovuti continuare??? E smettetela di sperare nell'erosione, perché se erosione ci sarà, ci sarà anche per la spiaggia libera.

      • Se non fosse per i gallipolini come il caro Pio, Gallipoli avrebbe il turismo ed il gettito di Venezia. Ma sono troppo impegnati a travasare la bile nelle capase guardando chi nella vita ha ottenuto qualche risultato. Mi chiedo se è così facile,come mai anche loro non si danno alla ristorazione e nel giro della balnezione. A no, a loro non interessa. Il loro sogno,è la Gallipoli deserta di qualche anno fa....Gli altri sono invasori

    • Parli di una realtà, Gallipoli, che non conosci: non ci sei nato, non ci lavori, non ci vivi. Sei incompetente. Parli per il piacere di farlo. Occupati della tua Cutrofiano.

      • Rispondo alla tua prima argomentazione (era ora), con non poca voglia. Che ci sia un cortocircuito tra chi comanda e chi fa i fatturati,è palese agli occhi di tutti. Altra questione è usare questo cortocircuito (che è una triste realtà di tutto il territorio italiano) per opporsi a qualsiasi cosa li possa riguardare,in maniera diretta o indiretta. Sembra quasi che ci sia una sorta di godimento, qualora accada qualcosa che possa in qualche modo danneggiarli. Secondo me è questo lo scoglio che bisogna superare. In altre realtà,non guarda se una cosa è funzionale a tizio o caio, ma si pensa se quella decisione è ragionevolmente corretta. Qui il sindaco afferma di aver cantierizzato l'opera ad aprile,solo per non perdere i finanziamenti. Detto questo,bisogna pensare che se quei finanziamenti non fossero più arrivati,forse non ci sarebbe più stata la pedonalizzazione di quell'arteria stradale. La domanda allora la pongo io: È ragionevolmente corretto pensare che quel cantiere,in una zona così nevralgica per il turismo,dovesse essere sospesa durante il periodo estivo? Attendo risposte. Per me è ragionevolmente corretta.

  • .. ma perché gli amministratori dei lidi hanno avuto (da quanto ho capito!) voce in capitolo nella decisione di sospendere i lavori ? Non e' che oltre a sentirsi proprietari del tratto di spiaggia in concessione (perché e' palese che fanno quello che vogliono!) ora si sentono proprietari anche della strada e del territorio circostante tanto da incidere sulle decisioni dell'Amministrazione gia' deliberate da un Commissario Prefettizio? Non e' che tutti i cavilli burocratici (cosi' si dice in giro!)che hanno impedito l'inizio dei lavori a far data del 1 ottobre 2016 fanno parte di un piano ad hoc per far in modo che tutto resti come e'(e' evidente che con la dismissione della strada molte cose potrebbero cambiare in meglio a discapito di qualcuno a cui piace il 'casino' attuale)? Non e' che a ottobre 2017 troveranno un altro modo per non far ripartire i lavori?...... Signor Sindaco Minerva e relativo Assessore alle Opere Pubbliche penso che questi dubbi stiano venendo a molti dei cittadini che vi hanno eletto.... a pensar male e' peccato ma spesso si azzecca !!!

    • Funziona così. Ogni volta che ci sono dei lavori che occupano le zone di accesso o le vetrine delle attività, è buona norma farli durare il meno possibile, o quando è possibile sospenderli. Anche perchè nel caso in oggetto, trattasi di attività stagionale, con pagamento del demanio pubblico stabilito in base ai giorni di attività. Se tu ne limiti la fruibilità,chi paga la concessione non la prende benissimo. A me non pare una sorpresa. Ma anche a livello di traffico veicolare,non si può essere contrari alla sospensione. Già è un disastro così,figuriamoci con i lavori in corso.

  • Barzellette Gallipoline. Ma secondo l'intelletto del dirigene comunale è data d'inizio lavori il 10 aprile? a Gallipoli? Comunque ritengo che questi lavori senza l'allargamento del tratto rerostante che collega Baia Verde con la via retrostante allo Stadio creeranno solo CAOS ancor di più. Saluti dallo Stato Indipendente di Gallipoli

  • Su quella strada ogni anno “ scorre “ un FIUME DI DENARO, sarà stata questa la pressione esercitata sulla molla denominata “ questione di sicurezza “ che ha fatto scattare la sospensione dei lavori e la riapertura della strada ???????? Nessuno però si è preoccupato o si sta preoccupando di verificare che cosa sta avvenendo nella pineta che costeggia la strada dalla parte opposta ai lidi . Un’immensa spianata con accessi per ogni lido con abbattimento di qualche albero , con spianamento di dossi in alcuni punti si notano dei pseudo paletti per illuminazione . E’ tutto regolare ???? E’ stato tutto autorizzato ? COSA NE PENSA IL CORPO FORESTALE ? Cosa ne pensa l’ufficio tecnico ? Cosa ne pensa il WWF ? E’ tutto privato ???? Di chi è la proprietà ? Quella area è diventata e continuerà ad essere un “ POZZO DI SAN PATRIZIO “ per le tasche di chi ????? Nella Baia verde è stata posizionata della segnaletica per raggiungere il parcheggio per i lidi desiderati . E’ autorizzato ? e da CHI ? Forza Sindaco , continui cosi , assestiamo questo ennesimo colpo di grazia , cosi come sta già avvenendo sulla riviera N. SAURO dove i marciapiedi vengono usati dai ristoratori per posizionare sedie e tavolini costringendo i passanti a continuare la loro passeggiata sulla strada dove, ape car , navette e trenini fanno da padroni. A nulla è servito l’aggiornamento del regolamento sull’utilizzo del suolo pubblico fatto da Commissario Prefettizio , visto che nel 2017 si continua a occupare suolo pubblico da parte di ristoratori a cui era stata preclusa la presentazione di SCIA , per aver nel 2016 commesso tre infrazioni. A U G U R I SINDACO.

    • Dimentica una cosa molto importante sulle sue comprovate osservazioni: Il sindaco è stato eletto dai balneari e dai ristoratori, puo' dunque andare contro le loro imposizioni? Se si è arrogato il diritto di "cestinare" il regolamento del commissario prefettizio, non Le sembra che ormai si è erto a capo indiscusso (quasi dittatoriale) della nostra città? Ma quel che lascia pensare è che i cittadini permettono questo stato di cose.Nessuna riunione collettiva davanti palazzo Balsamo a reclamare i propri diritti. Però in compenso, una lunga processione per favori e favoritismi!!!!

      • Gentile signore , quello che Lei dice nella parte finale del Suo commento rappresenta il DNA gallipolino . Tutti a “ chiangere e a futtere “ . Purtroppo , ora , questa è Gallipoli , dove i ristoranti sopratutto nella città vecchia aumentano giorno dopo giorno segnale questo di crescente guadagno , visto che poi nei mesi invernali questi pseudo ristoratori vanno a svernare altrove. Vero è anche il fatto che , tra questi sta aumentando il numero dei non gallipolini , che hanno fiutato l’affare .

        • E' il duro destino delle zone ad alta densità turistica. Tra 20 anni, chi non si sarà lanciato nel mondo del turismo,scapperà dal centro storico. E' successo così dappertutto. Da Firenze a Roma, da Milano a Venezia. Nelle zone dove la tolleranza è intrinseca alla cultura del luogo (come ad esempio in Romagna o nord delle Marche), remano tutti dallo stesso lato,e i residenti rimangono la maggioranza. Anche nei luoghi di maggior flusso turistico

    • Una volta c'era Petrucci che con i suoi esposti faceva passare notti insonni all'obeso seduto a Palazzo Balsamo. Ora chi può garantire un minimo di legalità nella nostra martoriata cittadina?

      • C'è lo dica lei .

        • Senza apostrofo e accento però. Come lo hai scritto tu si tratta del verbo essere. In questo caso invece stai intendendo "a noi". Capisco che qui tra taccari e altri analfabeti è dura seguire la grammatica...

  • Grande sindaco! Penso che anche il suo sosia, Sig. Pici Tappo, avrebbe fatto meglio di lui in questo caso. Va bene che è quello del fare ma, fare una cavolata appresso ad un'altra, non va affatto bene per il paese, che ormai ha ampiamente superato la soglia del ridicolo. Un consiglio lo voglio dare anch'io...Sindaco e giunta, prendetevi un periodo di vacanza fino alla fine dell'estate. Evitate di fare ulteriori danni e, lasciate che Gallipoli vada avanti per inerzia, senza il vostro boicottaggio. In autunno poi, vi potrete tranquillamente dimettere in blocco dopo aver chiesto scusa alla cittadinanza per la vostra inettitudine ed incapacità amministrativa. FATECI QUESTO REGALO, se davvero ci tenete alla vostra città.

    • Lei pensa che davvero che i componenti di questa amministrazione hanno il cervello per poter pensare ciò che Lei auspica? Se non hanno materia grigia per valutare le loro aberranti malefatte, Lei crede che lo hanno per chiedere scusa e dimettersi? Ma quanto è ottimista LEI!!!!

      • Più che ottimista direi sognatore. Se non possiamo più nemmeno sognare, allora significa che siamo davvero morti.

  • pensandoci bene... ad una manifestazione studentesca svoltasi a settembre dello scorso anno ( o giù di lì;) il sindoco disse che " a giorni sarebbero partiti i lavori del lungomare"... tempismo perfetto!!!! come si vede che è nato alla Svizzera. si salvi chi può!!!!

  • ho un idea....scambiamo l'amministrazione gallipolina con quella di cervia, cattolica, riccione..etc ..x 2 o 3 anni.....

      • Tu a Cutrofiano non ti ritrovi proprio nessun mare, ma tanta bella terra rossa.

        • Lasciati ricordare come sempre, che gli unici che sono stati in grado di creare una struttura ricettiva degna di quel nome nel tuo paese,ed unica nel Salento,è stata pensata,creata e progettata da gente che aveva tanta terra rossa,ma anche tanto più cervello da chi ce lo aveva bruciato dalla salsedine. Per la Bile,fratelli Colì o Benegiamo

  • Bisognerebbe avere il coraggio di chiudere anche per tre anni fare uno stabilimento balneare fino all'hotel costabrada , come Dio comanda ( parcheggi , ciclabili , strade , passeggiate , ) però sempre gestito dal Comune che a sua volta da in gestione a gente e società serie ora un ristorante ora 100 metri di sdraio etc..non è pensabile che ci sia gente che decida che il cantiere vada chiuso , vuol dire che il Comune di Gallipoli non è padrone del suo territorio.

  • „..........il sindaco Minerva ha affrontato la questione della viabilità sulla litoranea e dalle valutazioni è emersa la necessità di sospendere al più presto il cantiere e riaprire al traffico quel tratto di strada.“  Questa la dice lunga sulla genialità di chi ha programmato i lavori.Vorrei tanto conoscerne il nome, ma giusto per dargli tanti calci nel deretano (forse il cervello alloggia proprio in questo luogo). Non era immaginabile e prevedibile che i tempi  di inizio lavori, non fossero consoni  col periodo? E...il sindaco Minerva non ha letto anticipatamente le carte di programmazione? (forse non ne ha avuto il tempo tanto era intento a selfarsi). Certo che siamo proprio in mano a dei pulcinella, ma poverini, loro non hanno colpe, le colpe sono di chi li ha votati e continuano ad appoggiarli!!!!  

  • Avatar anonimo di Un Passante
    Un Passante

    ... Per la serie: l'elefante partorì il topolino. Un mese di strada chiusa per qualche metro d'asfalto tolto (quasi certamente qualche giorno fa) giusto per dire che i "lavori" sono iniziati. A maggior ragione del fatto che il finanziamento rischiava di andar perso, era molto più sensato avviare le attività in inverno per far trovare tutto pronto in estate. Questo sarebbe stato l'esempio di una città e di un'amministrazione che dimostra fatti, non le solite chiacchiere autoreferenziali che gli "amministratori" rivolgono per convincere sé stessi e non i cittadini che vedono una realtà distante anni luce. Anche nell'eventualità che i lavori fossero iniziati ad ottobre (perché di fatto così sarà ...), sarebbe stata esclusa qualsiasi perdita di fondi. Concordo con chi parla di dilettanti alle prese con il notoriamente ostico governo di una cittadina in cui regnano l'individualismo e la prepotenza di persone storicamente riluttanti alle regole e al bene comune, dove tutto ciò che importa sono i propri affari e degli altri chissene frega. Magra consolazione quel guizzo di buon senso (questo sconosciuto) nel riconoscere che tenere chiusa una strada per nulla fino al 30 giugno avrebbe soltanto incrementato il malcontento, innescando un pericolosissimo cortocircuito con chi lucra sull'estate gallipolina. In effetti, come già espresso qualche giorno fa, sarebbe stato più produttivo riaprire tutto e far andare almeno la gente al mare. Passano gli anni, ma Gallipoli e gallipolini non cambiano di una virgola. Nulla di cui stupirsi.

  • Io io frequentato il Nautico e in matematica usavamo C.V.D. Amministratori dediti al fallimento morale ed etico!!!

  • a parte il dilettantismo che caratterizza questa amministrazione unita ad una certa arroganza, non si capisce se il tratto dove è stato rimosso il manto stradale venga riasfaltato

    • Non dimentichi che siamo a Gallipoli, sarebbe come stare su altra galassia se trovassimo il manto stradale ripristinato.Si rassegni,e si prepari ad andare dal gommista e dal meccanico per le sospensioni della macchina, perchè verrà lasciato tutto così com'è adesso. Rifare il manto temporaneo per poi demolirlo in futuro,ha dei costi che sicuramente non fanno parte integrante del capitolato d'appalto...(appalto peraltro dato in subappalto con gara di aggiudicazione al ribasso). Si rassegni e cominci a pregare!!!! (oltre che a imprecare!)

  • Q.E.D. Per taccaro e gli altri che non hanno fatto le superiori: "quod erat demonstrandum", come volevasi dimostrare...

    • Perchè,avevi dubbi che il cantiere sarebbe stato fermato durante per la stagione estiva? Più grande sarebbe stata la zona di cantiere recintata,più grande sarebbe stato lo scorrazzare degli incivili che popolano quella zona. Con la differenza che sarebbe stato molto più difficile da parte delle forze dell'ordine,accedervi. Nei luoghi turistici,i lavori vanno sempre bloccati durante la stagione. Speriamo che da ottobre in poi,sistemino quella litoranea,nata per conto e da menti gallipoline negli anni 60. Quella si che è stata una devastazione,unita al non abbattimento dell'intera edilizia privata in zona baia verde.

Torna su
LeccePrima è in caricamento