Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Il Gruppo Comdata fornisce i suoi numeri: 188 i lavoratori non confermati

Nota di precisazione della società che assicura 120 nuove stabilizzazioni entro l'anno. Resta il nodo, per le realtà del settore, delle unità a tempo e in somministrazione, secondo il tetto del 30 per cento
Torna a Il Gruppo Comdata fornisce i suoi numeri: 188 i lavoratori non confermati

Commenti (16)

  • Avatar anonimo di Jacopo
    Jacopo

    Vediamo il lato positivo, i più "fortunati" quelli che hanno lavorato per più tempo otterranno mesi di indennità di disoccupazione se non addirittura un paio di anni. È vero che la NASPI è inferiore allo stipendio, ma si risparmiano le spese per l'auto per andare al lavoro, i caffè per riuscire a sopportare la giornata e lo spuntino durante le pause pranzo.

    • Jacopo chi ha voglia di lavorare non credo preferisce l'indennità mensile piuttosto che il posto di lavoro, sapendo chiaramente di dover affrontare le "spese" per recarsi sul posto di lavoro, i caffè etc etc.. E' solo per precisare dato che ho capito il senso del tuo commento

  • Anche l'azienda conferma.Ennesima figuraccia dei sindacati.

    • Infatti, l'azienda conferma i 188 mancati rinnovi, esattamente quello che dicevano i sindacati. Abbiamo capito che lei è per la disintermediazione, come Renzi e come i 5Stelle. Contenta lei...

      • No, caro Stefano. Esattamente i sindacati hanno detto che era colpa del decreto di Maio. Cosa totalmente falsa e inventata. Non essere ridicolo pure tu, su.

        • è evidente che lei non ha letto il comunicato della Cgil

  • Il calo delle telefonate che gli addetti ricevono ha comportato il licenziamento di 188 unità, quindi, almeno per il momento, il Decreto "dignità", in questo caso, non centra nulla. Restano tanti problemi, come ha commentato Fabrizio, e cioè mensilità non pagate e orari di lavoro assurdi. Ricordiamoci che molti di questi ragazzi occupati in ComData sono laureati ed è veramente penoso e toccante vederli lavorare dietro un computer, uno accanto all'altro, ristretti come in un alveare.

  • Politicazzi di sinistra che hanno fatto gli interessi della destra e apprendisti stregoni nella stanza dei bottoni, (la rima è casuale). Sia i primi che i secondi accomunati da una giovane età e sopratutto DA UNA GRANDISSIMA INESPERIENZA! Tutte premesse per un disastro annunciato.

  • Al di là di tutto c'è da dire che comdata impone sempre orari assurdi di lavoro inconciliabili per coloro che hanno dei figli e non risiedono a lecce.inoltre vorrei ricordare al ministro di Maiorca la situazione assurda in cui si trovano circa 300 lavoratori di planet group a progetto che non hanno ancora ricevuto la mensilità di maggio 2018 oltre ad essere stati licenziati......È meno male che a giugno erano venuti a Gallipoli il sindaco e 2 incaricati del governo per fare una relazione a di Maiorca. Da allora buio pesto... licenziati e non pagati ..che situazione ..

  • Sentire parlare oggi la CGIL di problemi di lavoro, è il momento di ridere. Dove stava quel Sindacato quando il Capo del Partito, cui fa riferimento quella forza sindacale, certo Renzi, abrogava l'art. 18, oppure attuava il jobs act. Quel Sindacato dovrebbe guardare negli occhi i tanti genitori e i tanti giovani, a cui è stato regalato il precariato.

    • Giusto per sua cultura personale: la Cgil è un sindacato che rivendica autonomia politica, che non ha una forza politica di riferimento da molti anni. E' stato l'unico sindacato a contrastare il Jobs Act e l'abrogazione dell'articolo 18. Sia quando quella scellerata legge era in discussione con grandi manifestazioni di piazza, sia dopo con ricorsi alla giustizia dai quali sono scaturite sentenze della Corte Costituzionale. Scommetto che anche lei all'epoca fosse in piazza a protestare con veemenza contro le politiche del lavoro del governo Renzi. Vero? Ecco alcuni link, giusto per farle capire come dovrebbe funzionare una discussione seria: io dico una cosa e porto le prove. Lei a supporto della sua affermazione che cosa porta? https://www.ilfattoquotidiano.it/2014/10/25/cgil-in-piazza-roma-contro-jobs-act-camusso-renzi-chiediamo/1 170577/ http://www.rassegna.it/articoli/unaltra-sentenza-che-supera-il-jobs-act

      • Se la cgil fosse, come dice lei, un sindacato autonomo politicamente, non avremmo assistito, come invece è accaduto, al grido di disperazione contro un decreto che c'entrava niente. Siete ridicoli

      • Ah la prova sarebbe la solita protesta di piazza della Cgil? e mi dica quanti problemi hanno risolto le innumerevoli proteste di piazza della Cgil? suppongo davvero pochi visto che stiamo sempre qua a parlare della situazione precaria dei lavoratori da tempo immemorabile.

        • Le ho postato anche i ricorsi, vinti, alla Corte Costituzionale... Li ha fatti solo la Cgil

Torna su
LeccePrima è in caricamento