Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Mercatone Uno, doccia fredda per 256: chiesto concordato preventivo

A soli otto mesi dal passaggio di proprietà, missiva dell'amministratore di Shernon Holding ai lavoratori. Nel Salento, 123 dipendenti fra San Cesario, Surano e Matino
Torna a Mercatone Uno, doccia fredda per 256: chiesto concordato preventivo

Commenti (5)

  • Quale futuro per Mercatone Uno?

  • Egregio Sig. Salvatore lei non ha a cuore il destino dei dipendenti di Mercatone Uno e ciò mi rende perplesso e mi chiedo se è mai possibile avere il prosciutto sugli occhi. Il discorso fila senza una grinza: 1) il gruppo che ha rilevato il Mercatone Uno e' una conosciutissima holding; lo stesso gruppo subentrante come quello precedente ha una solidissima società per azioni quindi non sono "poveri miliardari"; nella ristrutturazione aziendale potrebbero farne parte i lavoratori su indicati senza gridare allo scandalo.Delego, percio', i sindacati e la società subentrante una decisione ponderata e sostenibile per un futuro piu roseo.

  • È sempre la solita musica trita e ritrita italiana. La cosa piu stucchevole è che i soliti sindacati pensano che a pagarne le spese siamo sempre i lavoratori...beh intanto è ovvio che un'azienda che chiude i battenti non lo con i lavoratori dentro no?....li deve licenziare. E comunque se un'azienda chiude... chiude stop. Qualsiasi siano i motivi...certo non si considera però che chi fa impresa si assume oneri e onori mentre chi ci lavora non capisce nulla di cosa significhi essere imprenditori...pensano solo allo stipendio e basta...dei rischi d'impresa delle tasse esose che si pagano e dei compromessi che occorre fare per mantenere sul mercato la baracca non gliene può fregare di meno...pero poi quando li licenziano pretendono di continuare a lavorare e di essere pagati...questa è solo demagogia

  • Il copione si ripete, gli imprenditori italiani che falliscono, gli imprenditori stranieri vengono prendono milioni e milioni di euro di contributi, fanno finta di rilanciare l’azienda fallita e dopo un po’ di tempo scappano via con il bottino ed ai lavoratori spetta la magra consolazione di 24 mesi di assegno di disoccupazione e poi più niente, né lavoro e né’ soldi.

    • Dai che adesso che scendono i sindacati in piazza vedrai come si spaventano...

Torna su
LeccePrima è in caricamento