Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Sono troppi i conigli sull'isola omonima, l'habitat naturale adesso è a rischio

L'introduzione illecita di specie domestiche a scopo attrattivo sta provocando un disastro per la vegetazione protetta
Torna a Sono troppi i conigli sull'isola omonima, l'habitat naturale adesso è a rischio

Commenti (10)

  • Ma pensate al devastamento delle case e dei lidi abusivi che hanno ricoperto di cemento le NOSTRE dune!!! Magari si potessero buttare a terra le case nella zona di torre lapillo e porto cesareo, sarebbe un paradiso!

  • Metteteci una decina di volpi

  • Sulla devastazione dell'intero sistema dunale e lagunare di Porto Cesareo, più che agli esperti, bisognerebbe conoscere il parere degli ottuagenari che hanno avuto il privilegio di vedere quel sistema quando ancora era incontaminato.

  • pensate a far sparire tutti quei rottami di resina che popolano quello specchio di mare...uno scempio abusivo si presenta agli occhi dei turisti. Capitaneria di Porto ...svegliatevi!

  • Si rischiano anche delle malattie per chi la frequenta quando si esagera con il numero

  • Farebbero meglio intervenire sulle tante imbarcazioni (ABUSIVE) e non, che trasportano turisti sporcaccioni durante l'estate.

  • Quante chiacchiere. Come al solito ne state facendo un problema di stato. Una decina di trappole ed il gioco è fatto. Poi fatene quel che volete. Regalarli, portarli in altre oasi per ripopolamento, venderli al mercato degli animali e ricavato donarlo ad una associazione qualsiasi. Ma per favore, se per voi, sono questi i problemi siamo combinati veramente male,

  • ma da quando il mondo esiste gli habitat si sono sempre autoregolati, perchè intervenire?

    • Un isoletta con una sovraffollata popolazione di conigli non potrà mai autoregolarsi, perchè mancano i predatori superiori. Occorre l’intervento di chi ha alterato quell’habitat, ossia l’uomo.

      • e allora basta rilasciare sull'isola una o due volpi :D

Torna su
LeccePrima è in caricamento