Case popolari, la Cassazione annulla le ordinanze di Monosi, Torricelli e Gorgoni

Gli atti torneranno a Lecce per difetto di motivazione. La difesa aveva puntato sulle mancate esigenze cautelari. Stesso provvedimento anche per il dirigente del Comune Rollo

ROMA - Finora tutti i giudici sono stati d’accordo. E, invece, il verdetto emesso in serata dalla Corte di Cassazione ha segnato un’inversione di rotta nell’inchiesta sulle case popolari assegnate in cambio di voti. Gli “ermellini” della sesta sezione hanno annullato con rinvio per difetto di motivazione l’ordinanza del Tribunale del Riesame nei riguardi dell’ex assessore ed ex consigliere Attilio Monosi, dell’ex consigliere comunale Antonio Torricelli, del funzionario Pasquale Gorgoni.

Sono state dunque accolte a pieno le ragioni esposte dalla difesa (rappresentata dagli avvocati difensori Luigi Covella, Amilcare Tana e Riccardo Giannuzzi) che aveva puntato sulle mancate esigenze di custodia cautelare.

La decisione segna un passo indietro nel procedimento perché gli atti torneranno a Lecce e il tribunale del Riesame dovrà attenersi alle disposizioni della Cassazione. I due politici e il funzionario al momento rimarranno ai domiciliari, ai quali sono sottoposti dal 7 settembre scorso, con l’accusa di far parte di un’associazione a delinquere che avrebbe utilizzato gli alloggi popolari per il proprio tornaconto elettorale.

L’annullamento con rinvio è stato disposto anche per il dirigente Paolo Rollo, (difeso dall’avvocato Stefano De Francesco), sospeso per un anno dal servizio, nell’ambito della stessa inchiesta.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • E' la conferma che di ricorso in ricorso...qualcuno prima o poi ti darà ragione. ...povera italia e povera giustizia!!!!

  • Questi soggetti non lo meriterebbero nemmeno un processo considerando quello che hanno fatto...

  • Signor Pietro, solo per chiarirle che questa è una parentesi del procedimento, che riguarda la misura cautelare, mentre il processo vero e proprio va avanti senza essere influenzato o rallentato da queste pronunce. In sostanza si tratta di capire se alcuni imputati devono fare il processo da uomini liberi o da arrestati: i giudici leccesi (procura, gip e riesame) hanno ritenuto che debbano rimanere agli arresti, i difensori (che ritengono che non vi siano più esigenze cautelari) hanno impugnato le loro decisioni, e la Cassazione ha dato loro ragione invitando i giudici del riesame a ... riesaminare il caso.

  • a tarallucci e vino......e Poi non usi si candiderà.....

  • A furia di rinvii e riesami si fanno passi da gigante verso la PRESCRIZIONE.

  • avranno degli ottimi difensori occulti,

  • Giudice Superiore

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ammanchi dai conti dei turisti: indagati il titolare e il dipendente di un hotel

  • Incidenti stradali

    Auto con famiglia a bordo contro barriera spartitraffico: gravi madre e figlia

  • Cronaca

    Si mostra teso davanti alla polizia, scatta perquisizione: trovato con la cocaina

  • Cronaca

    Uno frantuma vetri di 5 auto, l’altro quelli di un’ambulanza: nei guai

I più letti della settimana

  • Frontale sulla strada del mare: ragazza deceduta, due codici rossi

  • Auto sbanda e si ribalta un paio di volte: in due in prognosi riservata

  • Spostato dalla barella, cade cocaina: il ferito indagato per spaccio

  • Il nuovo pentito della Scu: “La mia latitanza anche a Porto Cesareo”

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

  • Violenta lite in famiglia. Colpisce con un coltello la cognata: arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento