Dissequestrato il Parco Gondar, previsti 38 eventi per la stagione estiva

La Procura della Repubblica di Lecce ha accolto l'istanza formulata dai legali dei due titolari della struttura di Gallipoli

Foto di repertorio.

LECCE - La Procura della Repubblica di Lecce ha disposto, accogliendo i contenuti dell’istanza formulata dagli avvocati Ladislao Massari, Michele Bonsegna e Pier Luigi Portaluri, difensori dei due titolari di Parco Gondar, la restituzione dell’intera struttura.

Il procuratore aggiunto Elsa Valeria Mignone e il sostituto Antonio Negro hanno condiviso le ragioni illustrate dai difensori al fine di “salvaguardare anche le esigenze imprenditoriali degli istanti e soprattutto quelle occupazionali del territorio”. L’indotto derivante dalle attività del Parco Gondar, sottolineano i gestori, si riverbera positivamente sull’intera collettività insediata nel territorio gallipolino, garantendo un importante ritorno anche d’immagine e lavorativo: basti pensare alle ricadute che Parco Gondar genera sul sistema generale della ricettività e dell’ospitalità, coinvolgendo anche settori economici apparentemente più distanti come il terziario avanzato: società di servizi, di trasporto, e altro ancora.

L’attività dovrà seguire le seguenti prescrizioni: si potranno svolgere non più di 38 eventi durante l'estate.  Otto eventi con un massimo di ottomila ospiti e 30 eventi con non più di quattromila ospiti. I gestori dovranno versare una cauzione che sarà incassata nel caso di violazioni.

“Prendiamo atto della sensibilità dimostrata dalla Procura”, dichiarano i due giovani proprietari di Parco Gondar, Christian Scorrano e Ferruccio Errico. “Torniamo a rimboccarci le maniche e a correre per riprendere la programmazione pianificata in tanti mesi di lavoro. Siamo grati a tutti coloro che ci sono stati vicini in questo mese e ci metteremo da subito al lavoro a partire dall’evento della Salento sport convention, in programma per il prossimo 20 e 21 Maggio”.

Gli avvocati Massari, Bonsegna e Portaluri esprimono soddisfazione per il risultato conseguito, il quale consente la prosecuzione dell’attività a Parco Gondar: “una struttura che dieci anni fa due imprenditori hanno acquisito – anche in ragione della loro giovane età - con molti sacrifici personali e che stanno progressivamente riqualificando con l’obiettivo di migliorare continuativamente lo standard di qualità dei servizi resi: onde farne una struttura che sia un vero e proprio landmark dell’estate gallipolina e, come tale, un modello di riferimento per il settore dell’industria turistica aperta e sensibile ai valori della formazione dei giovani attraverso l’attività non solo musicale ma anche sportiva e culturale”.

Nell’ambito dell’inchiesta che vede sette indagati a vario titolo per abuso edilizio, occupazione di suolo demaniale marittimo e falso ideologico, era stata sequestrata un’area di circa 15mila metri quadrati.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (33)

  • Buonasera a TUTTI amici di L.P. Da Gallipolino non mi frega nulla del dissequestro del parco gondar anche perché mi aspettavo tutto ciò. Le Leggi le regole devono essere rispettate dagli UNNI,previo sanzioni dalle forze di polizia. Da Gallipolino mi aspetto che i giovani trovino lavoro mediante seri piani di sviluppo economico, che venga chiusa la forbice delle ingiustizie, e delle vendette trasversali da parte di alcuni.Che gli anziani e famiglie deboli abbiano uno stato sociale degno di una nazione civile, cosa che L'ITALIA sotto questo aspetto non lo E'. Che l'occupazione suolo pubblico non sia selvaggia. Ecco cosa mi aspetto da Gallipolino. Un cordiale saluto a tutti Orlando Arturo.

  • Da Gallipolino, sono contento che il problema sia risolto. Ora chi è preposto a far rispettare le leggi del buon comportamento si adopera affinchè in giro non ci sia gente che cammina con bottiglie di alcolici, Birra ecc.ecc. è controllino la vendita selvaggia e abusiva, lungo il litorale. Speriamo che anche quest'anno le Forze dell'ordine siano presenti come lo scorso anno, con maggiori controlli lungo le vie delle spiagge e delle discoteche.

    • Guarda che il problema non è per nulla risolto, tutt'altro! Il TAR con una giustificazione scandalosa a mio avviso, sta permettendo, dopo aver confermato che il reato c'è, di portare a termine la stagione già programmata in buona parte dagli organizzatori. E' come se una volta beccato il trafficante mentre passa la droga ai consumatori, gli si permetta di portare a compimento il suo affare, per non far aspettare inutilmente i suoi clienti. Tutto ciò è assurdo, ma purtroppo siamo in Italia e in questo caso in quel di Gallipoli, DOVE TUTTO SUCCEDE!

      • Non è proprio così. Non ha confermato che il reato c'è,semmai ha confermato che le indagini sono in corso. Ricordo inoltre che già 2 anni fa,per lo stesso motivo,tutta la documentazione sulle autorizzazioni del Gondar ,dell'occupazione del suolo pubblico,e la destinazione d'uso di quest'ultimo, fu vagliata e rivoltata come un calzino. E non furono presi provvedimenti. Come faccia a due anni di distanza a diventare irregolare la stessa area che due anni fa era regolare,rimane un mistero della fede..... Il sequestro preventivo è un atto giuridico che non serve, per due motivi. 1) Se c'è stata una violazione,una volta rilevata la metratura dell'occupazione abusiva,anche grazie alle mappe satellitari, non c'è rischio di inquinamento delle prove o di far sparire il misfatto. 2) Se sequestri preventivamente, in caso di assoluzione, chi gestisce il Gondar potrebbe chiedere dei danni milionari per i mancati compensi ed il danno d'immagine. Insomma, questa è l'unica soluzione possibile, in uno stato di diritto.

        • Lezioni di giurisprudenza direttamente dalla cucina di "Da Peppino".

    • Perché dovrebbero impedire la vendita abusiva di qualsiasi cosa, visto che permettono di far funzionare una struttura essa stessa abusiva? I venditori di alcolici, birra ecc non hanno gli stessi diritti dei proprietari del parco gondar?

      • Ne sai più dei giudici. E io non ne sapevo niente! Già tre anni fa fecero la stessa operazione,e non si scoprì nulla

        • A Cutrofiano si che siete istruiti...

  • Ritirno di immagine???? Ma avete mai fatto un giro intorno al Parco Gondar in una amena serata di Agosto? Immondizia, caos, rumore assordante, bottiglie di vetro disseminate etc etc. Visitate qualche localita' turistica degna di tale nome dove ordine, rispetto per l'ambiente e per il turista, pulizia e rispetto delle regole civili sono garantiti, e vi farete un idea.....

    • Torniamo sempre li. Il ritorno di immagine non c'entra nulla con il decoro e l'ordine pubblico. Quello spetta alle forze dell'ordine. Che sia una partita di calcio,la notte della Taranta,una messa del papa o un concerto,la cosa non cambia. Il ritorno di immagine è un altro: Solar ha scelto Gallipoli come unica tappa italiana,dato che è stra impegnato in tutto il mondo.....

      • Che musica impegnata che ascolti... mentre lavi i piatti!

        • Questo non doveva dirlo...ho amici che fanno gli aiutanti cuoco e sono dei ragazzi, istruiti e intelligenti. In questo caso certamente più di lei.

        • Come cartomante fai schifo,come commentatore ti avvicini. Caro il mio dottore (sic!). Torniamo it. La popolarità o meno di un cantante o uno stile di musica (nel caso in questione quella latino/americana, che nulla ha a che fare con gli scalmanati), non lo decido ne io,dal mio ufficio vista mare, ne lei dalla sua casa (perché io,a differenza sua,non credo che il tipo di lavoro,ad indovinarlo almeno....,sia una discriminante per determinarlo). Lo decidono le classifiche di vendita,il cachet che percepisce l'artista,il numero di persone che attira,ed il numero delle visualizzazioni sui canali virtuali. Quindi,a parte la bile tracimante a causa dell'ennesima sconfitta di chi non ha ancora capito a chi spetta fare intrattenimento,e a chi ordine pubblico, non c'era motivo per continuare a tenere sotto sequestro il Gondar. P.s. A 12 anni credevo che screditare il proprio interlocutore,a causa della sua PRESUNTA professione,sessualità, religione, provenienza geografica, ceto sociale ecc, fosse la strada più breve per avere ragione. Poi però sono cresciuto,ed ho studiato. E non mi dica che anche lei ha studiato,perché uno che va a spiare la residenza di un utente, per poi affibbiargli un'etichetta da lavoratore umile (che di per se non sarebbe nemmeno un male) e quindi ignorante, non può essere digitato da una mente colta. Alla prossima..... tracimazione di bile

  • Giustizia è fatta. Ora: fermare i lavori della litoranea, eliminare il parcheggio a pagamento al porto, dare il permesso agli stabilimenti balneari di fare discoteca 24h al giorno.

    • E istituite una pubblica gara...corsa a Sacchi... a chi si impossessa dei migliori tratti demaniali di Gallipoli, (come si usava nel FarWest). Con invito dei Sindaci dei comuni limitrofi, per finalità divulgative. Tanto abbiamo visto che chiunque puó appropriarsi di Ha del demanio, in nome della salvaguardia dell'occupazione e dell'immagine...ma andate a farvi...

    • Fate di Corso Roma un enorme Open Bar con tavolini e sedie...spero che qualcuno non prenda spunto da questa battuta.

      • Non dirlo ad alta voce.. In Emilia-Romagna, da quest'anno, i lidi possono stare aperti 365 gg all'anno

        • Doppio lavoro, lavapiatti e venditore di cocco in spiaggia!

  • a Lecce e provincia hanno il sequestro "facile"...altrove per situazioni analoghe o anche peggiori fanno finta di niente....qui si fa finta di essere "svizzeri".....

  • giusto in tempo

  • ...Come ogni anno !!!!

  • Eravamo affranti all'idea di non rivedere anche per quest'anno file interminabili di auto zeppe di ragazzi, che gettano dai finestrini di tutto e di più e bloccano l'ingresso a Gallipoli. Lo erano certamente anche i residenti di quel quartiere, con le auto di costoro parcheggiate in mezzo alla strada e sui passi carrai e con la musica dei concerti che si riverbera sui muri, come i loro occhi sbarrati, in attesa...remota...che arrivi Morfeo. Ma tutti in cuor loro erano sicuri in una soluzione pacifica e così è stato.

    • Caro Amico, non è competenza del Parco Gondar rendere le persone più civili. Ma ci devono pensare coloro che vengono pagate per far rispettare le leggi.

      • Hai mai provato a chiamare le persone che vengono pagate per far rispettare la legge, perchè degli incivili arroganti mocciosi,che sono andati al concerto, ti hanno sbarrato l'accesso? Io li ho chiamati e non sono mai intervenuti: "chiami i Vigili", "la pattuglia è impegnata in un'altra operazione", "interverremo quanto prima"...alla fine non mi meraviglio quando la gente si rompe le balle e succedono casini.

        • E quindi, dovrebbero chiudere il Gondar? Hahahah Scusami ma sta storia ha del fantastico. Fai esposto alla procura della Repubblica,e fai verificare che i vigili,e chi li comanda, facciano il loro dovere. Se il numero non è sufficiente,possono essere aumentati. Se invece servono solo per fare più multe possibili,e non per aiutare i cittadini onesti.......Sarà colpa del Gondar

        • "I vigili di Gallipoli: questi sconosciuti": nuovo documentario di Alberto Angela su una misteriosa e mai osservata prima specie di mammifero...

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni europee: Lega prima anche nel Salento, il Pd a Lecce supera il M5S

  • Gallipoli

    Sbancano suolo a ridosso della spiaggia con la ruspa: sequestro e denunce

  • Sport

    "Via del mare”: in attesa dei grandi lavori, parte sostituzione dei seggiolini

I più letti della settimana

  • Elezioni europee: Lega prima anche nel Salento, il Pd a Lecce supera il M5S

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • Un boato sveglia il vicinato all’alba: si sbriciola il tetto di un’abitazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento