Scoperto con oltre dieci chili di droga: patteggia tre anni di reclusione

Ernesto Martinucci, il 47enne leccese arrestato cinque mesi fa dalla guardia di finanza ha chiuso oggi il suo conto con la giustizia. La sentenza è stata emessa dal gup Sergio Tosi

LECCE - Si chiude con una sentenza a tre anni di reclusione per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti la vicenda che costò l'arresto ad Ernesto Martinucci. Il 47enne leccese finì in carcere lo scorso aprile (oggi è ai domiciliari), dopo un controllo stradale eseguito dalla guardia di finanza. Furono 13 in tutto i chili di droga, tra marijuana, hashish ed eroina, sequestrati dai militari: tre chili di "erba",  nell'auto sulla quale viaggiava, e la parte restante, in casa.

Durante l'interrogatorio col gip Simona Panzera, Martinucci si avvalse della facoltà di non rispondere, rilasciando alcune dichiarazioni spontanee, per spiegare di aver agito in quel modo perché aveva perso il lavoro ed aveva una famiglia da sfamare. Oggi, dopo cinque mesi dai fatti, ha chiuso il suo conto con la giustizia patteggiando la pena con il giudice Sergio Tosi, attraverso l'avvocato Raffaele Benfatto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento