Abbandono di rifiuti a Porto Cesareo: valanga di sanzioni per 16mila euro

Sono oltre cento gli episodi immortalati in un mese e mezzo dalle fototrappole. Si registrano errori anche all'atto di differenziare i materiali

Un fotogramma che è valso una sanzione.

PORTO CESAREO – Sono almeno cento le persone immortalate dalle fototrappole nell’atto di disfarsi di sacchi di rifiuti sul territorio comunale di Porto Cesareo. Le sanzioni, relativo ad un arco di tempo di un che ne sono scaturite ammontano a circa 16mila euro.

Prosegue senza soluzione di continuità l’attività di contrasto dell’amministrazione nei confronti degli incivili che non sembrano aver minimamente colto il segnale derivante dalle multe elevate nel periodo precedente e nonostante la campagna di informazione e sensibilizzazione dispiegata.

Come già verificatosi in molti altri comuni, un effetto collaterale dell’introduzione della raccolta porta a porta sta nell’errato conferimento dei materiali. Un problema, questo, registrato tanto per le utenze domestiche che per quelle riconducibili agli esercizi commerciali.

“Siamo a disposizione, così come lo sono i vigili urbani  e la ditta interessata – spiegano da Palazzo di Città -, a dare tutte le informazioni, le linee guida e il supporto necessari a chi ancora oggi abbia difficoltà nello svolgere una corretta raccolta differenziata. Di contro, è attivo il controllo porta a porta per verificare la reale situazione utenza per utenza”.  In caso di recidiva la sanzione viene aumentata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

Torna su
LeccePrima è in caricamento