Abusi sulla figlia 13enne per denaro o sotto minaccia, ridotta la condanna

L’uomo avrebbe chiesto alla figlia prestazioni sessuali, ricattandola e minacciandola. I fatti contestati tra il 2013 e il 2017

LECCE – Sconto di pena in secondo grado per il 46enne di Alezio accusato di aver abusato o tentato di abusare della figlia da quando aveva solo 13 anni. La sentenza è stata emessa nella tarda serata di giovedì dai giudici della Corte d’appello, che hanno ridotto la condanna da 12 a dieci anni, accogliendo uno dei motivi d’appello dall’avvocato Giampiero Tramacere, che attenderà il deposito delle motivazioni per proporre appello in Cassazione. A rappresentare la minore come parte civile l'avvocato Francesco Calabro.

L’uomo avrebbe chiesto alla figlia prestazioni sessuali, ricattandola e minacciandola, ottenendo in molti casi solo il rifiuto della ragazza, che ha subito negli anni (tra il 2013 e il gennaio del 2017) violenze fisiche e psicologiche terribili. Il 46enne è stato arrestato con le accuse di violenza sessuale continuata, aggravata perché commessa dal genitore ai danni di un minore. Le indagini sono state condotte dalla Squadra mobile di Lecce.

Per anni la vittima ha subito in silenzio, schiacciata dalla paura e dalla vergogna (tanto da maturare propositi suicidi e autolesionistici), senza avere il coraggio di raccontare alla madre cosa accadeva quando lei si assentava. E’ stata una sua amica, con cui si è confidata, a convincerla a denunciare. Da lì si è sviluppata l’indagine coordinata dal pubblico ministero Maria Rosaria Micucci. A “incastrare” il padre violento, anche alcuni registrazioni fatte con il telefono dalla cellulare dalla figlia, poi acquisite agli atti dell’inchiesta, in cui si sente chiaramente il 45enne chiedere alla vittima prestazioni sessuali in cambio di denaro per acquistare prodotti che le servivano. Fatti poi confermati anche i sede di ascolto protetto dinanzi al Tribunale per i minorenni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Che schifo!!! Adesso diranno che gli manca qualche rotella ...e magari faranno un ulteriore sconto...

  • L’ufficio sconti colpisce ancora....

  • Per un reato tra i più abominevoli, gli riducono la pena?. Sarebbe stato giusto aumentarla, un'animale del genere deve rimanere nella sua gabbia.

  • E' un'autentica vergogna. Ormai anche gli avvocati dei delinquenti più incalliti propongono appello sapendo che scattano i periodi dei "saldi". E' urgente un'approfondita riforma della giustizia che limiti fortemente la discrezionalità dei magistrati. Nel caso specifico si sarebbe dovuto raddoppiare la pena visto il reato abominevole. Poi si chiedono la collaborazione e le denunce ai cittadini.

  • Gli riducono la pena????? Faccio fatica a non scrivere improperi...

Notizie di oggi

  • settimana

    L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Cronaca

    Morte sospetta di un detenuto salentino in Calabria: parte l’inchiesta. Due indagati

  • settimana

    A Lecce il numero uno della Tutela ambiente: riflettori su smaltimento dei pannelli e infiltrazioni mafiose

  • Casarano

    Raid incendiario a Casarano: in fiamme l’auto di un consulente

I più letti della settimana

  • Muore dopo aver messo al mondo il bimbo, aperta inchiesta per omicidio colposo

  • Li fanno accostare per un controllo e spuntano oltre 2 chili di marijuana

  • Ricerche lampo dopo la rapina nel discount: presi durante l’inseguimento

  • Trenta bombe a mano sulla spiaggia: scoperta casuale dopo la mareggiata

  • Misterioso rogo nel negozio di attrezzature per party: fiamme devastano il locale

  • L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

Torna su
LeccePrima è in caricamento