Motociclista morto nell’incidente stradale: lunedì la perizia sui due mezzi

Il pm titolare dell’indagine per l’omicidio stradale di Andrea Maggio ha conferito l’incarico al consulente della Procura: con l’accertamento si potrà stabilire la dinamica

Il punto in cui si è verificato il maledetto sinistro.

LECCE - Sarà eseguita nella mattinata di lunedì prossimo, presso la depositeria giudiziaria alla periferia di Lecce, la perizia sui mezzi coinvolti nel drammatico incidente in cui ha perso la vita Andrea Maggio, lo studente 25enne di Squinzano. Il pm presso la Procura della Repubblica di Lecce Maria Rosaria Micucci, titolare dell’inchiesta aperta per omicidio stradale e nella quale risulta indagata una 36enne di Trepuzzi, ha infatti conferito, nella giornata di oggi, l’incarico al consulente tecnico d’ufficio, l’ingegnere Lelly Pantaleo Napoli.

Alla presenza degli avvocati della famiglia Maggio (Pierfilippo Centonze e Paolo Spalluto) e di Marco e Andrea Pezzuto per la conducente trepuzzina  -che, nel pomeriggio di giovedì scorso, si trovava alla guida di una Fiat Panda sulla Squinzano-Casalabate – il pubblico ministero ha stabilito l’accertamento irripetibile sulla moto e sulla vettura della donna, per consentire entro i prossimi due mesi l’esatta dinamica del sinistro nel quale ha perso la vita Andrea.

Quel maledetto 20 giugno, all’ora del tramonto, si è verificato il violento impatto fra i due veicoli. La donna è rimasta illesa, le lesioni sul corpo del 25enne, invece, si sono rivelate gravi sin da subito, tanto da costringere gli operatori del 118 a trasportarlo d’urgenza al “Vito Fazzi” dove è poi spirato neppure 48 ore dopo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento