Accusò un 49enne di essere l'assassino di Noemi, rito abbreviato per Lucio

Nuovo giudizio per il 18enne già condannato per il delitto della ragazza di Specchia. L'accusa formulata nei suoi confronti è di calunnia

LECCE – Sarà giudicato con il rito abbreviato, dinanzi al Tribunale per i minorenni, Lucio Marzo, il 18enne di Montesardo condannato a 18 anni e otto mesi per l’omicidio di Noemi Durini, la 16enne di Specchia assassinata e ritrovata nelle campagne di Castrignano del Capo a distanza di dieci giorni dalla scomparsa. L’accusa da cui dovrà difendersi è quella di calunnia nei confronti di Fausto Nicolì, 49enne di Patù accusato dal 18enne (minorenne all’epoca dei fatti) di essere l’autore del brutale assassinio della ragazza.

Accuse che hanno portato la Procura ad aprire un fascicolo nei confronti del 49enne, poi archiviato dagli inquirenti vista l’assoluta insussistenza delle stesse, anche dopo un lungo interrogatorio in cui ha chiarito la propria posizione. Nicolì, assistito dall’avvocato Luca Puce, si è costituito parte civile, avanzando una richiesta di risarcimento. L’udienza è stata fissata per il prossimo febbraio. Oggi il 18enne era presente in aula, accompagnato dal suo legale, l’avvocato Luigi Rella.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Cronaca

    Pestato e ferito da un colpo d'arma, preso il complice del violento raid

  • Incidenti stradali

    Collisione con handbike, disabile ferito e autista positivo alla cannabis

  • Cronaca

    Morte in carcere, prime conferme sul suicidio. Resta il nodo dei farmaci

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento