Accusò un 49enne di essere l'assassino di Noemi, rito abbreviato per Lucio

Nuovo giudizio per il 18enne già condannato per il delitto della ragazza di Specchia. L'accusa formulata nei suoi confronti è di calunnia

LECCE – Sarà giudicato con il rito abbreviato, dinanzi al Tribunale per i minorenni, Lucio Marzo, il 18enne di Montesardo condannato a 18 anni e otto mesi per l’omicidio di Noemi Durini, la 16enne di Specchia assassinata e ritrovata nelle campagne di Castrignano del Capo a distanza di dieci giorni dalla scomparsa. L’accusa da cui dovrà difendersi è quella di calunnia nei confronti di Fausto Nicolì, 49enne di Patù accusato dal 18enne (minorenne all’epoca dei fatti) di essere l’autore del brutale assassinio della ragazza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accuse che hanno portato la Procura ad aprire un fascicolo nei confronti del 49enne, poi archiviato dagli inquirenti vista l’assoluta insussistenza delle stesse, anche dopo un lungo interrogatorio in cui ha chiarito la propria posizione. Nicolì, assistito dall’avvocato Luca Puce, si è costituito parte civile, avanzando una richiesta di risarcimento. L’udienza è stata fissata per il prossimo febbraio. Oggi il 18enne era presente in aula, accompagnato dal suo legale, l’avvocato Luigi Rella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

Torna su
LeccePrima è in caricamento