Affari sporchi e imprenditoria: il clan Tornese risorge e punta sulla provincia

L'operazione Labirinto ha evidenziato l'attività di due gruppi che, secondo gli inquirenti, hanno ottenuto l'investitura dei capo clan

LECCE – Le mani sulla città. Affari, estorsioni, mercato della droga e criminalità imprenditoriale: un giro vorticoso di interessi e attività illecite che sembra spostare indietro le lancette del tempo e riportare in auge uno dei clan storici della Sacra corona unita, quello dei “Tornese” di Monteroni. Se negli ultimi anni erano state alcune delle principali operazioni condotte dalle forze dell’ordine a riportare alle cronache il gruppo guidato da Mario e Angelo Tornese, ora è l’inchiesta giudiziaria denominata “Labirinto” a evidenziare il tentativo di riorganizzazione del clan attraverso due gruppi capeggiati da due storici luogotenenti dei Tornese: Vincenzo Rizzo e Saulle Politi

I blitz, i processi e le condanne degli ultimi anni hanno creato un “vuoto di potere” che il clan di Monteroni sta sfruttando per conquistare territorio e supremazia, anche nele feudo di Gallipoli, da sempre in mano agli storici alleati del clan Padovano, disarticolati dai blitz e dalle condanne (l'operazione Baia Verde).

L’operazione Rinascita aveva già delineato un primo tentativo di riorganizzazione del clan. Dopo l'arresto dei capi storici, Angelo e Mario Tornese, i nuovi boss hanno continuato a gestire con la delega dei primi e in continuità con loro, il traffico internazionale di stupefacenti e di armi, e il racket delle estorsioni. In particolare, secondo gli inquirenti, nel 2004, all'indomani della cattura di Corrado Cucurachi, arrestato dopo un periodo di latitanza, il ruolo di reggente del clan Tornese era stato rilevato da Alessandro Martino, di 36 anni, di Monteroni di Lecce, che seguiva le direttive impartite dal carcere da Angelo e Mario Tornese attraverso il figlio ventiduenne di quest'ultimo, Ivan Tornese.

Intrecci, interessi, affari illeciti (portati avanti anche grazie alla connivenza di alcune “zone grigie”), denaro investito in attività imprenditoriali, passaggi finiti in alcune informative all’attenzione della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo salentino, dove procede incessante e senza tregua l'attività investigativa guidata dal procuratore aggiunto Guglielmo Cataldi.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

Torna su
LeccePrima è in caricamento