Agente della penitenziaria salva detenuto: stava tentando d'impiccarsi

E' successo ieri sera nel carcere di Borgo San Nicola, a Lecce. L'Osapp plaude al collega e chiede un riconoscimento formale

Lecce - Un assistente capo di polizia penitenziaria del reparto infermeria, lato C, ha evitato che si consumasse l’ennesimo suicidio in carcere. A Borgo San Nicola altri casi del genere si sono verificati di recente. L’ultimo, proprio a dicembre, e anche in quel frangente era stato quanto mai tempestivo l’intervento degli agenti in servizio.

Il detenuto in questione ha tentato ieri sera di mettere in atto l’insano gesto, approfittando dell’ora d’aria degli altri reclusi e del fatto che gli stessi poliziotti fossero impegnati nelle operazioni che accompagnano questo momento della giornata. Fortunatamente, l’assistente capo s’è accorto del tentativo d’impiccagione e ha bloccato l’uomo.

La notizia è stata diffusa in una nota stampa da Ruggiero Damato, vice segretario regionale e portavoce del sindacato di polizia penitenziaria Osapp, che plaude alla prontezza del collega e di tutto il reparto,  auspicando un riconoscimento formale. Tutto questo, rimarcando gli annosi problemi degli agenti: turni massacranti e carenza cronica di personale.

Potrebbe interessarti

  • Fa davvero male dimenticarsi di cambiare le lenzuola?

  • Rimedi contro gli scarafaggi

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli, dall’abito agli accessori

I più letti della settimana

  • Muore la ragazza sbalzata dallo scooter: indagati due 14enni

  • Il malore improvviso, la caduta sull'asfalto. E poi arrivano gli angeli del 118

  • Batte con violenza fra collo e schiena sul fondale basso, 22enne in codice rosso

  • "Quell'uomo era morto. Una forza interiore mi ha spinto ad andare avanti"

  • Suv fuori controllo punta su di lei: con istinto felino la donna si mette in salvo

  • Travolte in scooter, gravi due ragazze: caccia al pirata della strada

Torna su
LeccePrima è in caricamento