Ammanco da 135mila euro nella farmacia comunale, a settembre il giudizio

La farmacia parte civile con gli avvocati Giuseppe e Michele Bonsegna. Nei confronti di Spano è stato eseguito un sequestro preventivo

LECCE – Ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato Giuseppe Spano, implicato nella vicenda giudiziaria sull'ammanco da 135mila euro nella farmacia comunale di Nardò, di cui era ex presidente del Consiglio di amministrazione. L’udienza dinanzi al gip Michele Toriello è stata fissata al 15 settembre. La farmacia si è già costituita parte civile con gli avvocati Giuseppe e Michele Bonsegna. Spano è assistito dall’avvocato Tommaso Valente. Nei suoi confronti è stato eseguito un sequestro preventivo, finalizzato alla confisca per equivalente, del cinquanta per cento di un immobile a Nardò e di un’autovettura.

Il gip Stefano Sernia ha emesso il decreto di sequestro su richiesta del procuratore aggiunto Antonio De Donno. La richiesta è giunta al termine di una capillare attività d’indagine compiuta dagli uomini della sezione di polizia giudiziaria della guardia di finanza di Lecce, guidati dal colonnello Francesco Mazzotta. Le fiamme gialle hanno eseguito una lunga serie di verifiche, riscontri, ascolti e acquisizioni.

Spano, 51enne neretino, ha confessato di aver preso i soldi e di averli spesi tutti in “gratta e vinci” e altre lotterie. Una confessione tra le lacrime al cospetto del colonnello Mazzotta e del procuratore aggiunto Antonio De Donno, titolare del procedimento per peculato. Proprio il fatto che il denaro sia “stato dilapidato in gratta e vinci” e che quindi sia irrecuperabile, ha spinto gli inquirenti a chieder il sequestro per equivalente.

Una confessione cui è seguita una minuziosa attività d’indagine, per trovare riscontri ed elementi utili a stabilire quale sia l’esatto importo sottratto alle casse della

farmacia comunale e la destinazione di quel denaro. Innanzitutto gli investigatori hanno sentito i titolari degli esercizi comunali dove sarebbero stati acquistati i tagliandi (moltissimi vista lacifra spesa). I finanzieri, inoltre, hanno passato al setaccio la vita dell’indagato: conti correnti, movimenti bancari e altro ancora.

I riscontri e le acquisizioni riguardano anche i registri contabili e tutte le carte relative alla gestione della farmacia. Secondo quanto riferito da Spano, gli ammanchi farebbero riferimento periodo tra febbraio e novembre del 2014. L’inchiesta è stata avviata a seguito di alcuni esposti, dopo che i revisori dei conti hanno evidenziato il “buco” finanziario e informato il sindaco di Nardò, Marcello Risi. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Si ruba si ruba si ruba...

Notizie di oggi

  • settimana

    Di notte con la pistola nella rosticceria: via con mille euro, uditi spari

  • Politica

    Primarie, Messuti manda l'avviso: "Se accetto, è per vincere"

  • settimana

    Fascette per legargli zampe e collo, un cane chiuso nel sacco e gettato nel canale

  • Attualità

    Sport e turismo: con i talenti della scherma seimila pernottamenti in città

I più letti della settimana

  • Esce fuori strada e l’auto si ribalta: perde la vita a soli 19 anni

  • Droga e armi, 27 arresti: dall'Albania tramite il Salento ramificazioni in tutta Italia

  • Paletta, ma non sono agenti: rapinato in strada della sua Bmw

  • Si scaglia contro il rapinatore e lo fa arrestare: da lunedì avrà un contratto nel market

  • Notte di paura: ordigno sotto l'auto di una coppia che gestisce un bar

  • Droga, fra guerre ed emergenti: così cambiano i vari assetti mafiosi

Torna su
LeccePrima è in caricamento