Tentato furto di gasolio nella ditta, i poliziotti bloccano due guardie giurate

Aradeo, vigilanti nei guai. Gli agenti hanno notato l'auto di servizio. Si sono avvicinati per supporto, ma hanno scoperto altro

ARADEO – Il furto di gasolio nella ditta? Lo stavano tentando due guardie giurate. “Pizzicate” dai poliziotti del commissariato di Galatina che si sono avvicinati a un’auto di servizio, pensando di andare in soccorso ai vigilanti nel corso di un’ispezione, per poi scoprire tutt’altro. In arresto sono così finiti Santo Nicola Colizzi, 58enne, e Alessandro Tramacere, di 35, di Aradeo, operatori del locale consorzio di vigilanza. Rispondono di tentato furto aggravato in concorso. Si trovano ai domiciliari.

Tutto è avvenuto nella notte. I poliziotti del commissariato stanno svolgendo in questo periodo un’attività  mirata di prevenzione disposta dal questore di Lecce, Leopoldo Laricchia. Pare che in provincia si stiano susseguendo furti ai danni di stazioni di servizio e depositi di carburanti, anche agricoli. Incolpare i gilet gialli francesi servirebbe a poco, e così si è pensato bene di monitorare con attenzione punti ritenuti sensibili. Ma mai, probabilmente, i poliziotti avrebbero pensato di sorprendere nel vivo due vigilanti.

Mentre una volante era di pattuglia nell’area artigianale di Aradeo, nei pressi di una ditta gli agenti si sono insospettiti, notando strani movimenti sul piazzale antistante. Vedendo un’ auto di servizio, utilizzata dalle guardie giurate del consorzio di vigilanza,  sostare nella parte di dietro, hanno pensato a un furto in atto e, quindi, a una loro ispezione. Ma, osservando meglio, è emerso ben altro. Fino a ipotizzare che fossero proprio le due guardie giurate a derubare l’immobile di gasolio.

Stando a quanto notato, uno dei due, utilizzando le chiavi in suo possesso per i consueti controlli,  con il volto coperto, avrebbe scavalcato il  muro di cinta, entrando nell’immobile e raggiungendo l’area dello stoccaggio di carburante. Ma, probabilmente non trovando gasolio nella quantità sperata, si sarebbe poi allontanato, raggiungendo il collega rimasto nell’auto di servizio.

Visto il travisamento e l’azione fulminea dello scavalcamento, gli agenti di polizia hanno subito fermato le due guardie giurate e perquisito l’auto di servizio. E dentro hanno trovato sei taniche di plastica contenenti residui di gasolio, un tubo in gomma, una scala d’alluminio, una pinza a pappagallo e una torcia frontale. Tutto sequestrato. E i due sono finiti in arresto. Considerato l'armamentario di cui disponevano, resta da capire se l'opera da parte dei due fosse sistematica. Per ora, rispondono solo dell'episodio per il quale sono stati colti in flagranza. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento