“Non fu truffa”, l’inventore delle mini pale eoliche ottiene l’archiviazione

Per il giudice, le accuse sono infondate. Si tratta degli stessi fatti, relativi alla vendita di impianti inefficienti, per i quali l’imprenditore di Casarano sta già sostenendo un processo

LECCE - Le accuse erano le stesse, truffa, truffa aggravata ed insolvenza fraudolenta, per le quali lo scorso ottobre, l’inventore delle minipale eoliche Gianluigi Antonio Parrotto, 24 anni di Casarano, era stato rinviato a giudizio.

Stavolta, però, l’esito è stato differente: due giorni fa, il gip Cinzia Vergine ha archiviato un secondo procedimento aperto nei suoi riguardi per infondatezza di reato. Erano due le parti offese, che si erano opposte alla richiesta di archiviazione avanzata dal pm, e che figurano tra le parti civili  proprio nel processo nato dall’inchiesta principale. Una di queste, oltretutto, nei mesi scorsi, è stata a sua volta citata a giudizio per diffamazione (con l’aggravante del mezzo di pubblicità) per commenti pubblicati su facebook contro l’imprenditore.

Stando all’accusa Parrotto, tra il 2014 e il 2015, al tempo in cui ricopriva il ruolo di amministratore della “Gp Renewable” di Casarano e della “Air Group Italy”, di Surbo, avrebbe venduto, per una cifra complessiva di circa 190mila euro, mini impianti eolici che si sarebbero rivelati inefficienti e improduttivi, a causa di difetti progettuali e costruttivi o perché il luogo dell’installazione (alla quale si sarebbe proceduto senza le dovute verifiche) non era idoneo. Il giovane, però, attraverso i suoi avvocati (Mauro Marzano e Salvatore Ponzo) si è sempre difeso sostenendo che non poteva essere al corrente dell’inefficienza degli impianti acquistati da una ditta straniera.

 “Finalmente si inizia a fare chiarezza su una incresciosa vicenda che da tempo mi perseguita mediaticamente nell’ambito della mia attività d’impresa relativa alle fonti di energia alternativa”, ha commentato il 24enne. Che ha aggiunto: “Mi sono sempre dichiarato estraneo ai fatti contestati e continuerò a farlo. Ho sempre lavorato con estrema diligenza e responsabilità nei confronti di tutti i miei clienti. Ritengo come semplice cittadino, però, che i processi bisogna celebrarli davanti ai giudici e non attraverso i media, ai quali sono state fornite informazione certamente non veritiere ed inattendibili, lesive della mia reputazione professionale, tese a minare il proficuo sviluppo della mia attività imprenditoriale. Tengo a precisare che i fatti oggetto del su richiamato provvedimento di archiviazione, sono i medesimi fatti contestati nell’altro procedimento ancora pendente.

Ho sempre riposto la massima fiducia nella magistratura leccese,  oggi, sono ancor di più fiducioso di ricevere giustizia anche  dai summenzionati procedimenti”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • La verità processuale non sempre è aderente alla verità dei fatti. È stato assolto ed è un dato di fatto.Come anche che non ha MAI realizzato un prototipo funzionante,non ha mai costruito nulla ,non ha più una azienda operativa .Quanto meno non potranno esserci più clienti “insoddisfatti”

  • Povere persone hanno perso i soldi ed ora anche il processo!! Doppiamente beffati!! Dovrebbero preparare i giudici un po’ in tutte discipline non può essere un ing a decidere le questioni quando si parla di cose tecniche!!! Non è giusto!!!

    • Il giudice applica la legge e per giudizi extralegali si avvale delle perizie tecniche di professionisti preposti. Secondo il vostro parere, vuol dire che un giudice devrebbe essere anche ''preparato'' ad effettuare le autopsie?

  • Ottimo quindi adesso riprenderà l'attività di vendita delle pale ?

  • Questi sono fatti in aggiunta degli altri per i quali sta sostenendo un processo, è ancora tutto da vedere. Resta il fatto che in diverse interviste si è vantato di investitori esteri inesistenti e di "prodigi" della sua tecnologia che non sono credibili. Inoltre, non sono mancate le "uscite" sul fatto che l'università non serve o che il lavoro c'è se uno lo sa cercare, cosa abbastanza offensiva per chi il lavoro realmente lo cerca e non lo trova.

    • In parte ha ragione, non è che bisogna essere laureati per potersi mettere in affari e lavorare onestamente e bene. Non disse, se ricordo, "università è inutile", disse "università non è obbligatoria per poter lavorare e mettersi in affari", questo è altro discorso mi pare.

      • giusto.

      • Interviste ne ha rilasciate parecchie, in quella che ho visto io sosteneva l'inutilità dell'università. Certo, non è necessario essere laureati per lavorare, ma se produci un prodotto tecnologico servono gli ingegneri per la progettazione e pure qualcosa in più se si fa anche ricerca e sviluppo.

  • Questo ragazzo non ha capito che se ne deve andare all'estero. In Italia chi lavora e crea imprese viene tartassato in ogni modo é messo alla gogna. Conviene più fare lo spacciatore, senza nulla da perdere

    • Non diciamo stupidaggini. Se i prodotti fossero stati validi non avrebbe passato il suo tempo nei tribunali.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Una 15enne: “Lo zio mi ha molestata per sette anni”. Via all’inchiesta

  • settimana

    Nuova irruzione in banca in pieno giorno: caccia ai rapinatori

  • Attualità

    Si urla al complotto per un photored, ma sulle regole poi ci si autoassolve

  • Cronaca

    Farmaci scaduti al “Vito Fazzi”, convalida del sequestro. Due indagati

I più letti della settimana

  • Paletta, ma non sono agenti: rapinato in strada della sua Bmw

  • Si scaglia contro il rapinatore e lo fa arrestare: da lunedì avrà un contratto nel market

  • Fascette per legargli zampe e collo, un cane chiuso nel sacco e gettato nel canale

  • Impatto devastante all'incrocio di notte: due feriti e auto distrutte

  • Giallo Martucci, rivelazioni delle sorelle. “L’assassino lo abbiamo tra le mani, andate a prenderlo”

  • S'imbatte nella Classe A, riconosce i truffatori e li fa prendere dalla polizia

Torna su
LeccePrima è in caricamento